Solitario


Quando scende la sera guardi fuori le ombre che si allungano

Chiudi piano le imposte, accendi le luci e fai partire un pò di musica

Canticchi sottovoce mentre il fumo del sigaro riempie la stanza

Non dai segno di inquietudine per questa tua solitudine

Non ti pesa il silenzio, la mancanza di un abbraccio, di un bacio o una carezza

Non mostri sofferenze nel vedersi allontanare i fari dell’auto che la porta lontano da te

Non vuoi compagnia, non desideri condividere la notte con nessuno che non sia il tuo stesso respiro

Trascorri le ore ad arrovellarti la mente, perso in quei pensieri pungenti

Vorresti giustizia, ma temi che un giorno ella giunga a portarti via anche quel briciolo di speranza che culli da tempo

Solitario progetti quel futuro ombroso che anche di notte ti toglie il riposo

Vorresti regalare sorrisi, gioia e felicità a coloro che ami, ma temi che quei tempi siano ormai troppo lontani

Solitario ti accingi a passare la notte

Qualche fantasma ti fa compagnia, ma in fondo son anime come la tua, che non hanno ancora trovato la pace e con te si sentono in sintonia

Respingi chi ti ama per paura, forse, che un giorno ti possa lasciare nuovamente solo

E scegli di fare il solitario anche quando la vita ti ha messo accanto qualcuno che ti ama

Laura

Estratti


Il sole e la luna


Questa mattina al mio risveglio mi son posta queste poche ma significative domande:

Dove finiscono i nostri sogni?

Dove fuggono i nostri desideri?

Dove sfumano le nostre buone azioni ?

Dove s’aggrappano le nostre confidenze?

Dove arrivano le nostre preghiere?

Dove s’inceppano i nostri sentimenti?

Dove inciampano i nostri buoni propositi?

Dove si spandono i nostri sospiri?

Dove s’intrufolano i nostri pensieri?

Dove camminano i nostri cuori?

Dove si riversano i nostri malumori?

Dove s’incontrano il sole e la luna per scambiarsi le nostre pene?

Laura

Il tragico verdetto degli dei ☆ E il sole torna a splendere


Elisa Larcher è una scrittrice emergente come me.
Elisa vive con la famiglia in Trentino. Le sue passioni sono leggere, scrivere e occuparsi dei suoi animali, cani e cavalli. “Il tragico verdetto degli dei”, prima edizione pubblicato nel 2008, vince il 2° premio al concorso letterario “Arte Città Amica” edizione 2010. Della stessa autrice “E il sole torna a splendere” autopubblicato nel 2019.

Io l’ho conosciuta per un caso fortuito tra le pagine di Instagram… il giorno del suo compleanno ho visto la sua pubblicità

e mi sono lasciata tentare…

I titoli erano accattivanti, e poi sono sempre dell’idea che tra colleghi bisogna darsi una mano.

Anch’io spesso ho messo a disposizione i miei romanzi con la speranza che, chi li scaricava, avesse poi avuto la cortesia di lasciare un suo appunto…

E così eccomi qui a raccontarvi dei romanzi di Elisa.

E il sole torna a splendere

È la bella storia di Marianna una bella ragazza italo-spagnola che ritrova il suo primo e grande amore proprio perchè lasciata sull’altare dal fidanzato traditore.

RECENSIONE MIA:

La bella favola di Marianna e Dominic
Sensazionale! Il mio animo romantico ha amato subito, già dalle prime pagine questo romanzo. Scritto in maniera scorrevole e senza fronzoli, l’ho divorato. L’aggiunta della storia dell’antenata, ha arricchito ulteriormente il romanzo, ampliandolo nel tempo. Brava Elisa per aver saputo tenere il lettore attaccato alle tue pagine. Consigliato caldamente a tutte le lettrici di romanzi rosa.

SINOSSI:
Marianna, tradita e lasciata dal fidanzato a poche settimane dalle nozze, decide di allontanarsi da Barcellona per rimettere insieme i cocci del suo cuore in pezzi andando a vivere per un po’ nella cascina dei nonni in Toscana, ripromettendosi di non innamorarsi per molto, molto tempo.
Il destino però è di tutt’altro avviso.
L’incontro con il suo primo amore Dominic, che non vede da dieci anni, le sconvolgerà inaspettatamente la vita, facendole riprovare sentimenti sopiti ma mai scomparsi.
Ma fidarsi nuovamente di quel ragazzo che le ha spezzato il cuore è difficile, soprattutto perché Dominic, col suo atteggiamento altalenante, non le semplifica di certo la scelta. Quello che inizia come un semplice gioco di sguardi diventerà, in poco tempo, un’attazione a cui nessuno dei due riuscirà a sottrarsi.
Desiderio, gelosia, passione e amore in un connubio perfetto per farvi sognare perché, nonostante tutto, il sole può tornare a splendere.

Il tragico verdetto degli dei

Un romanzo ricco di eccezionali descrizioni della passata vita dell’antico egitto, dove Giulia, innamorata della loro storia, saprà decifrare con astuzia e perspicacia, ciò che neppure gli esperti avevano capito. Ma non è tutto…

REDENSIONE MIA

Emozionante dall’inizio alla fine

Una romanzo denso di emozioni, suspance e azione. L’autrice ha saputo miscelare a regola d’arte il passato e il presente rendendo la lettura piacevole, coinvolgente ed emozionante, con a tratti quella suspance che non ti fà smettere di leggere. Una storia emozionante sia quella della regina Nadir e del suo sposo Sethuk che quella di Giulia e Alberto. Con l’aggiunta di un pizzico di follia da parte di un innamorato abbandonato. Consigliatissimo per chi ama sognare.

SINOSSI:
Circa 4000 anni fa…
La regina egiziana di Mediuad, Nadir, tenta disperatamente di portare in salvo gli abitanti del suo villaggio dalla furia del Khamsin, una delle più grandi e devastanti tempeste di sabbia che la storia abbia mai ricordato.
Oggi…
Giulia, una giovane ragazza affascinata da tutto ciò che riguarda l’antico mondo dei faraoni, viene invitata dal professor Meier, conosciuto ad una conferenza, a trascorrere alcuni giorni presso il sito archeologico da lui recentemente scoperto. Eccitata per la meravigliosa e inaspettata opportunità accetta del tutto ignara del diabolico piano che si cela dietro quell’invito. La vacanza sembra procedere per il meglio, quando, inaspettatamente, a poche ore dalla partenza per il rientro in Italia, incappa nell’unico reperto che la potrà condurre al popolo di Mediuad, apparentemente dissolto nel nulla, le cui ricchezze sono tanto bramate dal professore, incallito e spietato trafficante di opere d’arte. La scoperta di questo oggetto la porterà ad essere in pericolo. Braccata incessantemente da Meier, affronterà una splendida avventura ricca di colpi di scena. L’aiuto di un archeologo, di un anziano egittologo e di un giovane poliziotto di cui Giulia s’innamora e per cui varrà la pena di lottare affinché nessuno li possa dividere, la condurrà a trovare il luogo misterioso in cui Nadir ha condotto il suo popolo e a concedere alle anime sepolte per secoli la tanto agognata liberazione dal mondo terreno.

CONCLUSIONI

Che posso dirvi ancora? Elisa merita di esser letta.

Laura

A volte si cambia…


“Cambiare identità per non morire”

Questo è il titolo del mio nuovo romanzo.

Oggi è uscita la versione eBook Kindle, che troverete cliccando qui e sempre su Amazon troverete anche la versione cartacea cliccando qui.

Con questa storia, ho deviato un pochino dal mio genere, esclusivamente rosa, andando a finire sul giallo-thriller, non dimenticando però di condire il tutto con una bella storia d’amore.

Si tratta di una storia completamente inventata, ma nonostante ciò potrebbe portare il lettore a trovarvi spunti molto reali di cronaca attuale.

È la storia di una normalissima, traquillissima e onesta famiglia che pian piano verrà decimata grazie alle scelte di vita fatte da Nico, uno dei figli di Elisa, un ragazzo molto probabilmente degno figlio del padre.

Nel giro di poco tempo la famiglia si ritroverà a vivere nel terrore.

Sinossi:

Nico rimasto orfano di padre molto piccolo per un incidente misterioso intraprende la carriera di malavitoso e killer a pagamento. Con le sue gesta condizionerà la vita di tutta la sua famiglia, costringendo madre, patrigno, sorella e fratellino a cambiare città, vita, nome, e a vivere sotto la stretta sorveglianza di Jack e della sua organizzazione. Stella… Nicole… Miriam… crescerà in mezzo alle vendette trasversali non potendo mai vivere una vita normale, ma sempre in fuga e guardandosi continuamente dietro alle spalle fino al giorno che…”

Spero con ciò di aver destato il vostro interesse e di poter leggere presto il vostro parere in merito a questa lettura.

Laura

Prossimamente…


In uscita molto presto il mio nuovo romanzo

Cambiare identità per non morire

La storia di Miriam

Una famiglia costretta alla fuga, costantemente in pericolo…

Una ragazza cresciuta nella paura e sempre pronta a guardarsi alle spalle…

Una vita sotto copertura…

Un amore sbocciato tra i drammi…

Vi dò appuntamento a presto su Amazon

Laura

19 vs 19 eccoci qui


Cari lettori,

Vi abbiamo chiesto di darci una mano, di sostenere il nostro progetto.

Ovviamente non ci conoscete, non sapete niente di noi…

Per questo voglio presentarvi tutta la comitiva del 19

Se volete conoscerci meglio, visitate la nostra pagina Penne in quarantena su Facebook lì troverete più informazioni su di noi…

Qui di seguito ci mettiamo le nostre facce e i link dove potrete acquistare o ordinare il nostro aiuto alla Protezione Civile in collaborazione con l’Avis.

𝓟𝓮𝓷𝓷𝓮 𝓲𝓷 𝓺𝓾𝓪𝓻𝓪𝓷𝓽𝓮𝓷𝓪

Youcanprint: https://bit.ly/YCP19vs19
Librerie Coop: https://bit.ly/coop19vs19
Mondadori: https://bit.ly/MD19vs19
IBS: https://bit.ly/IBS19vs19
Rizzoli: https://bit.ly/R19vs19
Amazon: https://bit.ly/C19vs19

Grazie di cuore

Laura

Ancora non ti dirò…


https://wp.me/p7StZ9-1dU

Un post di quasi tre anni fà che oggi ho voglia di riproporre

Quando tutto sembra che possa cambiare, che il passato possa essere sepolto e lasciato finalmente morire, ecco che riaffiora inesorabile e ti trascina in una spirale di contraddizioni. I se e i ma tornano prepotenti ad affacciarsi, a riempire l’oggi di mille dubbi.

Se tutto fosse facile come fanno vedere nei film, l’avrebbe già raggiunto, non si sarebbe lasciata sfuggire l’occasione.

Chi non desidera di essere amato incondizionatamente? Chi non vorrebbe sentisi dire quelle dolci parole, cedere alle promesse, e vivere senza pensare al resto?

Eliminare i pensieri, lasciarsi solo trasportare dalle emozioni, tenersi per mano e passeggiare in riva al mare, cenare a lume di candela, sorridersi, baciarsi, scoprirsi e fare l’amore fino a non avere più energie in corpo. Vivere praticamente in un sogno lontano da tutto e da tutti.

Peccato che poi ci siano i risvegli. E non sempre i risvegli portano alla continuazione dell’estasi. A volte son bruschi, come quando ti rovesciano un secchio di acqua gelata in testa. E quando uno ha già patito, sofferto, rinunciato, si è sentito oppresso dalle responsabilità e dal non poter più tornare indietro, dal non avere la possibilità di far altro che proseguire su quella strada che alla fin fine non era quella che aveva immaginato e aveva sognato per il suo futuro, allora diventa cauto, non si lancia più in avventure folli. Si adegua a vivere in quel limbo tranquillo perchè non è in grado di soffrire ancora. Può sembrare insensibile, può forse perdere qualcosa di veramente prezioso, ma chi ha il coraggio di biasimarlo? Certo si può parlare di codardia, o di follia. C’è chi non si pone il problema, ferisce, senza remore, prende e arraffa tutto quello che gli viene offerto e anche di più, pretende e si sente in dovere poi di mollare senza una spiegazione. Ma c’è anche chi, al contrario nel suo cuore sanguina e soffre perchè vorrebbe trovare la soluzione giusta per entrambi, quella che non penalizzi nessuno. Non vorrebbe mai procurare dolore a colui a cui vuole bene con tutto il cuore. E allora tentenna, sommerso dai dubbi, dalle paure, dalle preoccupazioni, non si lascia andare perchè non sà. Potrebbe essere giusto o sbagliato, potrebbe essere amore o solo affetto. Una volta detto ti amo non si può tornare indietro, non si può dire “oh scusa mi son sbagliato”.

E capire se l’affetto sia anche amore non è semplice, non lo si può decifrare attraverso lettere appassionate, scambi di telefonate, nessuno è un robot, ognuno ha quelle corde sensibili, che se toccate a dovere vibrano di passione. Ma in una coppia ci vuol il contatto, contatto umano prima ancora che fisico. Guardare in faccia l’altra persona, guardarla negli occhi, abbracciarla, ascoltare la sua voce, sentire il suo profumo, e solo allora, percepire dentro il cuore quali che siano i sentimenti che colui o colei ti accende, non basta una foto, un’immagine statica che ti guarda ma da lontano.

Ci sono sbagli, nella vita, che si possono commettere anche a cuor leggero, ai quali si può trovare un rimedio, ma non si può sbagliare sui sentimenti, non si può essere frettolosi e rischiare di ferire un cuore che forse di ferite ne ha già subite tante, è rattoppato, e tenuto insieme dalla speranza di questo nuovo amore.

E lei tutto questo lo sà, ne è consapevole, e si strugge al pensiero di cosa le riserverà il futuro…

Laura

Hai lasciato


Hai lasciato che il cuore prendesse il comando

Hai lasciato che l’amore prendesse il sopravvento

Hai lasciato che il vento scompigliasse i tuoi sentimenti

Hai lasciato che la tempesta ti trascinasse dentro

Ora aspetti che tutto si compia in attesa che le nubi scompaiano all’orizzonte

Laura

Cablati per il matrimonio: i legami neurali e genetici all’amore romantico


🙄 a questo punto è quindi possibile capire se chi declama amore è veramente innamorato, oppure finge per interesse venale o si tratta di pura attrazione fisica. 🤔 interessante…

ORME SVELATE

Married Painting by Marek Hospodarsky

Se sei mai stato un novello sposo, conosci l’euforia impulsiva di dire “lo voglio” e iniziare la vita con il tuo coniuge. Questo è amore romantico, stile occidentale. Spesso lo definiamo “chimica”, una connessione mal definita di cuori e menti. Una ricerca rivoluzionaria presso l’UC Santa Barbara ha scoperto che eravamo più vicini di quanto sapessimo. Per la prima volta, i ricercatori hanno esplorato le connessioni neurali e genetiche con l’amore romantico degli sposi. Usando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e l’analisi genetica di 19 sposi novelli, i ricercatori hanno dimostrato che il mantenimento dell’amore romantico fa parte di un’ampia strategia dei mammiferi per la riproduzione e l’attaccamento a lungo termine che è influenzato da circuitidi base della ricompensa, processi cognitivi complessi e fattori genetici. In breve, siamo programmati per sostenere l’amore romantico per mantenere un matrimonio di successo e l’unità familiare, grazie a neurotrasmettitori come la dopamina e una…

View original post 582 altre parole