Già pronti per i regali di Natale?


Siamo ormai in balia delle decorazioni natalizie… Dove ti giri giri, da mesi ormai ne vedi nelle vetrine, sugli scaffali, magari abbiamo anche già fatto un giro in cantina e soffitta per controllare cosa è rimasto degli anni passati, cosa si deve sostituire, o cosa riportare alla luce in occasione delle feste.

Chi di voi non stà già pensando “oh mamma… e ora cosa regalo a…?” ormai è questione di tempo, e il tempo si sà è tiranno, meglio non ridursi all’ultimo minuto per fare acquisti.

C’è addirittura chi in casa ha già fatto l’albero!!! Tanto per non perder tempo…

A questo punto, a me, non resta che infilarmi in mezzo alle mille proposte che  in questi giorni vi assilleranno con il mio consiglio per niente interessato 😉

Libri, libri, libri!!! Il regalo perfetto!!!

Personalmente continuo ad essere dell’opinione che un bel libro è sempre e comunque un regalo azzeccato da regalare a coloro che amiamo, in tal modo regaleremo loro anche qualche attimo di relax.

E cosa c’è di meglio di una bella storia d’amore?

Quanti romantici lettori ci sono in giro?

Tantissimi… e allora io consiglio loro il mio romanzo, del quale presto uscirà il seguito…

Riflessi di noi

 

Ma non mi limito al romanzo d’amore… siccome che, come chi mi ben conosce sono poliedrica, nella mia gamma ho inserito anche due libri di cucina…

Chi lo sà, magari la zia o la Logo cucina Laura (1)nipote o perchè no, il nipote, non sono accaniti lettori di romanzi, ma desiderano ardentemente mettersi ai fornelli e poter sperimentare altri piatti invece della solita minestra… E allora ecco che i miei volumi potrebbero essere una buona idea regalo per dei nuovi aspiranti manovratori di pentole, padelle e mestoli.  wp-image-467860331

La mia cucina vol. 1 e vol. 2

Augurandovi un buon shopping natalizio, vi rammento dove potrete trovare questi volumi. Basta cliccare sopra il link per esser trasportati direttamente all’acquisto 😉

http://www.leparchedizioni.com

Le Parche Edizioni

Laura

Annunci

La vita è fatta di…


13eb41739935f0537d8f23eeda2c5e41

Ho trovato queste righe… mi hanno fatto riflettere, pensare…

in questi giorni lo stò facendo spesso… penso… rifletto… cerco la soluzione…

Non ho rimpianti per il mio passato, rifarei tutto quello che ho fatto dalla prima all’ultima mossa. E già per questo son soddisfatta.

Ma le mie riflessioni ora son altre…

È che la vita è fatta di tanti piccoli momenti, esperienze, decisioni giuste o sbagliate, rischi (tanti), certezze (poche), sogni, speranze, progetti, deluzioni, attimi di felicità che ci sembrano quasi rubati, gioie immensie e profonde tristezze.

Tempo!

Ecco quello è davvero il nostro limite, il tempo! Non abbiamo assolutamente idea di quanto ne sia concesso a nostra disposizione, a volte andiamo avanti convinti di averne chissà quanto, e poi… tutto ad un tratto ci rendiamo conto che invece… invece no, il nostro tempo è limitato e allora rincorriamo a perdifiato quello che abbiamo sempre lasciato da parte convinti di essere immortali.

E allora non sprechiamolo con inutili tira e molla.

Usiamo un pizzico di follia, osiamo, buttiamoci e cerchiamo di ottenere il massimo da quello che la vita ci concede.

Abituiamo la nostra anima a inseguire i suoi sogni, non è sbagliato sognare, semmai lo sbaglio stà nel rinunciare ai propri sogni, e vivere una vita di rimpianti.

Prendiamo a quattro mani il coraggio che abbiamo dentro di noi e tuffiamoci in quella che potrebbe essere una nuova avventura. Potrebbe trattarsi dell’ennesima beffa, è vero, ma potrebbe anche essere quello che aspettavamo da sempre!

Determinazione, coraggio, e un pizzico di follia

sono queste le parole chiave!

Laura

 

 

Come il mare d’inverno


Sento un blocco che ostruisce i miei pensieri,

un cancello che sbarra le mie emozioni.

Come in un labirinto vago cercando la via d’uscita,

non mi occorre che sia essa la più facile da raggiungere

non ho paura delle difficoltà e delle montagne da scalare,

voglio solo cercare quella giusta per me, per il mio essere, per la mia persona.

Come il mare d’inverno,

un momento calmo e tranquillo,

ma…

sempre pronta per la prossima mareggiata.

Mi sento come un’onda che continua a sbattere contro la roccia

ma indomita proseguo perchè sono certa che prima o poi la roccia accoglierà il mio richiamo disperato.

dfm8g2wxuae702u.jpg
G. Dembech

Nè caso, nè coincidenza

è già scritto nel nostro destino quel che avverà.

Noi inconsapevoli di quel che ci è riservato

vi andiamo incontro, giorno dopo giorno

passo dopo passo, decisione dopo decisione.

DMHcLjjW4AALNpW

Dietro ognuno di noi una storia, una gioia, un dolore, una vittoria, una sconfitta.

Dietro i nostri passi seminiamo pezzetti del nostro cuore,

raccogliamo briciole d’amore,

doniamo senza remore il nostro tempo,

il nostro tempo… la cosa più preziosa che ci sia.

DL2obZqXkAE1IP6

Elargiamo sorrisi,

perchè le nostre lacrime le teniamo per noi,

le ingoiamo silenziosamente quando nessuno può scorgerle, cercando di continuare a mantenere il sereno attorno a chi ci circonda e ci ama.

DMNQpfHXUAAKB6j

Carpe diem

cogliamo l’attimo di felicità che la vita ha riserbato per noi,

non lasciamocelo portare via,

custodiamolo gelosamente nel nostro cuore,

non sprechiamolo inutilmente con ripicche o cattiverie gratuite.

Amiamoci noi stessi prima di tutto, sarà più facile elargire amore a chi ci circonda.

Laura

 

 

 

Una luce nel buio


Gelo! Ghiaccio che ti scorre nelle vene…

images (1)

 

ombre inquietanti che ti rincorrono in mezzo alla nebbia dei pensieri…

 

nebbia fitta che ti avvolge, ti cattura e ti fà prigioniero….

Vorresti fuggire da tutto questo, liberarti da quelle catene invisibili che avvolgono il tuo essere e non ti lasciano la possibilità di respirare e di riempirti i polmoni d’aria pura e corroborante.

imagesTi continui ad arrabbattare sempre nella stessa cupa sensazione d’impotenza e di oppressione, e nonostante tutto senti dentro di te quella forza che ti arriva dalla speranza di riuscire a trovare la soluzione che risolva tutti i problemi, che ti faccia ritrovare quella serenità e quell’arcobaleno di colori che un giorno ti avvolgeva nel suo abbraccio procurandoti un sorriso come le mille scintille colorate di un bastoncino acceso durante una festa.

Laggiù in fondo a tutto questo nero…

dfawwecon il vento che ti ulula alle spalle sempre la stessa litania, ti schiaffeggia e si scusa, ti aggredisce e chiede perdono, non ti vuole come sei diventato ma non vuol neppure lasciarti andare, chiede venia alle sue follie e nello stesso tempo non può far a meno di sferzarti ancora, di ferirti, di giocare sulla tua debolezza…

 

Laggiù in fondo a tutto questo nero…sgaerg

come un mare in tempesta che cerca d’inghiottirti e di trascinarti sempre più a fondo scorgi in lontantanza…

 

una mano luminosa che ti viene tesa…

una luce nel buio della tua disperazione…

vyfdgae

 

come un diamante scintillante che ti invita a raccoglierlo…

 

fai di tutto per raggiungerla, per aggrapparti a lei…

perchè sai che… sadf

solo così potrai ritornare al calore dei raggi del sole che scioglieranno il ghiaccio che ti scorre nelle vene e ti riporteranno alla vita.

 

Laura

 

Ricomincio dai Libri


Il titolo l’ho preso in prestito dalla nuova fiera a cui parteciperò prossimamente, ma devo dire che mi piace proprio… Magari non tutti voi avrete la possibilità di venire a visitarla o di girare in questa

hqdefault
Dopo le prime edizioni a San Giorgio a Cremano “Ricomincio dai Libri”, la fiera del libro per quest’anno cambia città e arriva a Napoli. Andrà in scena dal 29 settembre al 1 ottobre prossimo nella Sala del Lazzaretto (ex Ospedale della Pace)

meravigliosa sala che ora vedete vuota, ma che presto si riempirà di gente e sopratutto di libri…

Non sono mai stata prima in questo luogo, non lo conosco personalmente e ho preso la foto da internet, perciò mi lascerò incantare dall’atmosfera sin dal momento del mio ingresso… ma sono certa che mi emozionerà come la fiera di Torino.

Sarà ovviamente differente, forse più raccolta, più familiare, più caratteristica, ma non per questo meno importante, e lì incontrerò ancora una volta i miei colleghi e amici. Mi farò conoscere, spero, anche dalla gente comune, perchè in fondo sono una straniera che si è intrufolata lo scorso anno nella casa editrice napoletana Le Parche Edizioni con il suo libro e ha poi continuato il suo cammino con altri due volumi di cucina e ha in serbo altre avventure con Marco Bartiromo un uomo e un editore che merita un plauso enorme per tutto il lavoro che svolge, tutta la passione e la dedizione che mette per promuovere noi, autori sconosciuti ai più. Io approfitto di questa occasione nella sua terra, tra il suo pubblico di presentarmi in qualche modo, perchè da quelle parti ancora nessuno sà chi io sia…

Rdl

Certo sarà piacevole se qualcuno di voi lettori del mio blog vi trovaste da quelle parti e passaste a trovarmi… io per ora, son qui solo per mettervi a conoscenza di questa iniziativa lodevole e pregevole, che spero abbia un grandissimo successo.

In attesa che arrivi la data fatidica… vi lascio il mio saluto

Laura

Unbenannt

 

 

Io leggo, scrivo e festeggio…


Non me ne sono neppure accorta, eppure… è già passato un anno!

Volato direi… se non me lo avesse ricordato WordPress non ci avrei fatto caso, ma visto che ormai tutti ci avvisano di tutto… beh, non mi resta che festeggiare con voi che mi seguite, e sopportate da un anno intero e ringraziarvi per tutte le volte che passate da queste parti.

Essere finita in questa avventura non è che non mi abbia comportato qualche scompenso e malumore da parte di chi vive con me, spesso non è facile far capire a chi non ama leggere e scrivere che questa è una valvola di sfogo come potrebbe esserlo per chi invece fà jogging, gioca a calcetto, o fà qualche altro tipo di sport. Però visto che l’idea di aprire un blog me l’ha fatta venire il mio editore con il lancio del primo libro… devo per forza lasciare a voi un regalo… eccovi un piccolissimo estratto del mio libro…

4-You only the best – Riflessi di noi pagina 145

…all’università, cosi in questo modo anche tu non ti dimenticherai mai di me”.riflessi-di-noi
Rimase senza parole ma non commentò. La guardò
sorridendo e annuendo, ma niente, neppure una sillaba uscì dalla
sua bocca se non un semplice:
“Grazie”.
Amanda, un po’ delusa, avrebbe voluto sentirsi dire:“Non ho bisogno di niente per ricordarmi di te”.
Lei era una romanticona, parlava tanto e diceva sempre anche
troppo, mentre lui era certamente avaro di parole e in quanto a
romanticherie, assolutamente tirato, giusto un tantino, quel poco
che basta…
A quel punto non sapeva più cosa di dire e come comportarsi,
temeva di esser esagerata in tutto quello che faceva:
“Mac”.
“Uhmmm.” Rispose lui continuando a succhiare la caramella
che ormai si era staccata dal bastoncino.
“Sii sincero con me”.
Fece una piccola pausa per prender coraggio mentre lui alzò
lo sguardo verso di lei.
“Se la mia esuberanza, le mie effusioni e il mio dire sempre
quello che mi passa per la testa ti danno fastidio, ti prego
dimmelo, cercherò di cambiare…” fece una smorfia, “cercherò di
esser più… come dire, professionale”.
Lui le rivolse uno sguardo confuso, scuotendo leggermente il
capo e aggrottando la fronte le disse:
“No, perché dovresti cambiare?”…

e tanto per tartassarvi ancora un pò… voi che siete dalle parti di Genova, se volete acquistare il mio libro in libreria, lo troverete qui a Nervi, in via Marco Sala 13

Ciao a tutti e buona serata

Laura

 

Tranquilla, presto tornerà la primavera


La malinconia, quasi un dolore fisico che senti dentro di te e non ti abbandona, ti stringe il cuore e lo strizza lasciandolo sgocciolare lentamente, sono lacrime di cuore images quelle che scendono e cadono su questo tappeto ricoperto di petali di rose, dove, come foglie volate via dal vento nel periodo autunnale, 064515490595356535bc334a214b31afsi sono accumulati tutti i baci che ti ha mandato,  36541e8606cec69b3d6c45eb048c453c le belle parole che ti ha detto, le speranze i progetti e quei sogni che desideravate tanto che si avverassero… Lo disiderate ancora pur non dicendolo ogni istante di questa vostra vita capovolta, strattonata dalla realtà, macinata e messa nel tritacarne di una tangibilità che tu neppure riesci a comprendere, intrisa di argomenti, pressioni e sfaceli che non immaginavi neppure potessero essere reali.

E il tuo cuore grida dentro quella morsa che lo attanaglia, cerca di sfuggire a quel dolore sordo che lo stà opprimendo. Continua a pulsare al ritmo forsennato di quell’amore che non vuole e non può assolutamente perdere.

E anche i tuoi occhi non sono che pozze lucenti di lacrime che non verserai, ma che continueranno a galleggiare tra le ciglia, in attesa che la diga delle tue emozioni si apra e riversi tutto prosciugandoti.

40d4eb899b3a0342041110f96319ac45

E l’uragano di emozioni che ora si abbatte su di te, non potrà mai scalfire le tue certezze e i tuoi sentimenti.

Ritornerà la primavera, ritorneranno i sorrisi, le gioie e le speranze di un prosieguo profumato di boccioli di rose in fiore, di baci volati dal vento e di carezze come brezza leggera che profuma di salsedine e ti sfiora il viso.

Laura

Ascoltando il tuo cuore…


C’è sempre una soluzione…

 

Ancora qualche giorno di pazienza…

ci siamo quasi…

intanto ecco un’anteprima in video.

Buon divertimento

Laura

Ascoltando il tuo cuore


Come vi avevo preannunciato qualche giorno fà, nell’articolo I did it again ecco che stà per uscire un mio nuovo lavoro al momento solo in formato Kindle.

Commentando un altro  mio post intitolato Corteggiare può essere un’arte la cara amica blogger Cuorerotante  mi ha chiesto sdfrsa

No cuore, non si tratta di un nuovo libro, per lo meno non questo che son qui a presentarvi…

Siamo alle rifiniture… non ci manca più molto, ancora qualche ritocco e poi, se avrete piacere di leggermi ancoravi informerò dove trovarlo.

Intanto ecco a voi l’anteprima della copertina

Laura

Ascoltando il tuo cuore

Corteggiare può essere un’arte


Piano piano, passo dopo passo, un corteggiamento delicato, un amore immenso!

Con dolcezza le aveva accarezzato la mente, aveva giocato con la sua intelligenza, apprezzandone e stuzzicandone la curiosità, lodandola quel tanto che basta da non sembrare esagerato, ponendo domande, ma con 1cura, senza dar l’impressione di voler sapere. Voleva conoscerla, ma non spaventarla. Voleva che lei lo apprezzasse per quello che lui era, non per la sua bellezza, non per il suo fascino, ma per il suo grande cuore, la sua anima pura, il suo immenso amore.

Il suo intento era quello di farsi conoscere, ma con cautela, un pezzettino alla volta. Era paziente lui, non aveva fretta, e così metteva una frase quà una frase là, piccoli sprazzi di una vita, piccole notizie, a volte pezzi di vita forti, sui quali intavolavano lunghi e profondi discorsi. La spronava a dire la sua opinione, e lei non si tirava mai indietro. 6omqt4ekeg-un-uomo-e-speciale-se-continua-a-corteggiare-una-donna-nonostante-l-abbia-gia-conquistata_aLui l’apprezzava ancora di più, e lei non lo circuiva con dolci parole o frasi di circostanza, non gli dava necessariamente sempre ragione, manteneva le sue posizioni, e a lui piaceva quel suo avere sempre una risposta, un’opinione propria, su qualsiasi argomento senza indorare la pillola o preoccuparsi di accondiscendere per farsi apprezzare. Schietta e sincera, a volte spiritosa lui non cercava di meglio. Se lui lavorava per entrare nel cuore di lei, lei senza saperlo aveva già catturato il suo per sempre.

Non si era imposto in maniera prepotente, non era stato invandente o ossessivo, aveva mantenuto un contegno gentile, educato, quasi d’altri tempi, 2rispettando le regole che egli stesso si era autoimposto. Regole ferree ed educate, mai sopra le righe, mai troppo esplicito, ma sempre presente.

 

Gentile, romantico, pieno di premure, come la goccia che intacca la roccia o l’acqua che leviga la pietra, aveva fatto in modo di essere una presenza costante al suo fianco. Si era insinuato nel suo 6cuore dolcemente, piano piano, passo dopo passo, dapprima amici, poi pian piano confidenti, e per finire amanti.

Un amore nato piano piano, giorno dopo giorno, giocando, scherzando, prendendosi seriamente e anche in giro, dolcemente, tastando il terreno con piccole frasi diventate pian piano sempre più insistenti, si è appropriato del suo cuore, fino a dividere il proprio con lei, fino a far di due cuori un’anima sola.

4

Perchè corteggiare è5 un’arte che non s’impara a scuola, nonostante sembra ci sia questa specie di manuale, io sono dell’idea che non  esistono libri in grado di spiegare come corteggiare e conquistare una donna, non può essere che ogni uomo segua alla lettera un manuale, chi ne facesse uso perderebbe in partenza! Ogni donna è un essere differente da un’altro, ogni donna ha i suoi desideri, i suoi punti deboli, le sue forze, e l’uomo, deve essere spontaneo, sè stesso, sincero, e sì, perchè no, a volte magari anche un pò goffo e ridicolo, ma solo così sarà unico! Si renderà speciale agli occhi di colei che vuol conquistare.

Mio modesto parere, ma si accettano critiche ovviamente 🙂

Laura