Già pronti per i regali di Natale?


Siamo ormai in balia delle decorazioni natalizie… Dove ti giri giri, da mesi ormai ne vedi nelle vetrine, sugli scaffali, magari abbiamo anche già fatto un giro in cantina e soffitta per controllare cosa è rimasto degli anni passati, cosa si deve sostituire, o cosa riportare alla luce in occasione delle feste.

Chi di voi non stà già pensando “oh mamma… e ora cosa regalo a…?” ormai è questione di tempo, e il tempo si sà è tiranno, meglio non ridursi all’ultimo minuto per fare acquisti.

C’è addirittura chi in casa ha già fatto l’albero!!! Tanto per non perder tempo…

A questo punto, a me, non resta che infilarmi in mezzo alle mille proposte che  in questi giorni vi assilleranno con il mio consiglio per niente interessato 😉

Libri, libri, libri!!! Il regalo perfetto!!!

Personalmente continuo ad essere dell’opinione che un bel libro è sempre e comunque un regalo azzeccato da regalare a coloro che amiamo, in tal modo regaleremo loro anche qualche attimo di relax.

E cosa c’è di meglio di una bella storia d’amore?

Quanti romantici lettori ci sono in giro?

Tantissimi… e allora io consiglio loro il mio romanzo, del quale presto uscirà il seguito…

Riflessi di noi

 

Ma non mi limito al romanzo d’amore… siccome che, come chi mi ben conosce sono poliedrica, nella mia gamma ho inserito anche due libri di cucina…

Chi lo sà, magari la zia o la Logo cucina Laura (1)nipote o perchè no, il nipote, non sono accaniti lettori di romanzi, ma desiderano ardentemente mettersi ai fornelli e poter sperimentare altri piatti invece della solita minestra… E allora ecco che i miei volumi potrebbero essere una buona idea regalo per dei nuovi aspiranti manovratori di pentole, padelle e mestoli.  wp-image-467860331

La mia cucina vol. 1 e vol. 2

Augurandovi un buon shopping natalizio, vi rammento dove potrete trovare questi volumi. Basta cliccare sopra il link per esser trasportati direttamente all’acquisto 😉

http://www.leparchedizioni.com

Le Parche Edizioni

Laura

Annunci

Giornata uggiosa, o dormi o la passi in cucina


Ormai chi mi legge da un pò sà che mi diletto a cucinare anche solo per il gusto di rilassarmi…

Oggi in dispensa ho trovato della farina di ceci. Far la farinata? Uhmmm perchè no? Da buona genovese, avrei anche pututo… o delle frittelle… ma odio friggere… così ho pensato al pranzo e sono riuscita a partorire questa idea:

Tagliatelle alla farina di ceci con broccoli e peperoni arrostiti

Ingredienti per 4 persone:IMG-0120

Per le tagliatelle:

  • 200 g farina di ceci
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale
  • latte qb
  • farina qb

 

 

IMG-0121 (1)

 

Per il condimento:

  • un broccolo medio
  • 2 peperoni di quelli lunghi uno giallo e uno rosso
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale, pepe, paprika e peperoncino qb
  • un ciuffetto di prezzemolo tritato

 

 

Ho impastato le tagliatelle usando solo la farina di ceci e unendo oltre al sale e l’olio le uova tenute precedentemente a temperatura ambiente per ca 30 minuti. Per ottenere un’impasto compatto ho aggiunto  un goccino di latte. La pasta resterà piuttosto appiccicosa, per questo motivo per stenderla vi occorrerà della farina in modo che asciughi un pochino. La cosistenza di questo impasto è comunque molto differente da quello delle classiche tagliatelle fatte solo con la farina 00.

Ho pulito, tagliato a cimette e lessato in acqua salata il broccolo utilizzando anche i gambi naturalmente. Nel frattempo ho arrostito i peperoni sotto il grill del forno.

Una volta che il broccolo era pronto ho tenuto da parte l’acqua di cottura, che ho usato per cuocere le tagliatelle allungandola ovviamente 😉 Ho fatto rosolare lo spicchio d’aglio leggermente schiacciato nell’olio utilizzando una padella antiaderente tipo Wok. Fatto saltare il broccolo regolando di sale e insaporendo con pepe, paprika, peperoncino e un ciuffetto di prezzemolo tritato.  Ho aggiunto i peperoni puliti e tagliati a listarelle.

Quando le tagliatelle dopo ca 5 minuti di cottura erano pronte, (assaggiatele magari nel frattempo, forse 4 minuti bastano, dipende dallo spessore che date loro) le ho scolate e fatte saltare in padella con le verdure.

IMG-0122

Spiacente, non sono un’artista dell’impiattamento… ma avevo fame e non volevo farle raffreddare 🙂 🙂 🙂

Ora devo cercare di passare il resto della giornata, il tempo non è migliorato, anzi, piove ed è grigio, ma… vabbè fra poco mi guardo la partita! 🙂

Laura

wp-image-467860331http://www.leparchedizioni.com

Le tre giornate di Napoli…


Tranquilli nessuna rivoluzione! 🙂

#Ricomincio dai libri

2017-09-14 19345059652..png

Ed eccomi di ritorno dalla mia partecipazione alla fiera dei libri di Napoli.

Decisamente una bella esperienza come tutte quelle che si fanno in mezzo ai nostri amati libri. Son felice di avervi partecipato anche se forse, al cospetto di Torino, questa era molto meno imponente… d’altra parte non si trattava di una gara con Torino, ma solo un’ottima iniziativa messa in piedi dall’associazione ad essa dedicata.

L’affluenza ahimè non è stata delle più imponenti, i ragazzi dell’associazione si siano dati molto da fare… ma, probabilmente in parte anche colpevole la location, la gente ha faticato a trovarci. Era ubicata nell’incantevole centro storico di Napoli, all’interno di un bellissimo palazzo antico che una volta veniva utilizzato come Ospedale e Lazzaretto. Si sà che il centro storico delle città raggiungerlo non è semplicissimo, sopratutto se si ci sposta in auto, e anche quella è un’altra delle perplessità che mi hanno colpito una volta presa visione del luogo che non conoscevo. Sapendo quanto la gente ami spostarsi in auto, necessità anche dovuta alla difficoltà del reperimento dei mezzi pubblici, si sarebbe dovuto cercare di organizzare una fiera del genere dove vi fosse stata una vasta possibilità di parcheggio.

Ringraziamo comunque tutti quei temerari che hanno avuto la bontà di venirci a trovare!

Anche la pubblicità forse è stata scarsa. Alcune locandine attaccate nei vari negozi non solo circostanti, forse avrebbero sortito maggior effetto al posto della sola pubblicità sui social o qualche cartellone in città, dove magari non son passati in molti…

Ma l’esperienza e gli errori insegnano a migliorarci. E son certa che per la prossima edizione, quella dell’anno prossimo, tutto sarà maggiormente contemplato.

Io in ogni caso, mi son goduta i tre giorni di fiera e la mia gita nella città di Pulcinella, ho passato delle bellissime giornate in mezzo ai Napoletani, fatto conoscenza di altri autori miei colleghi, e parlato ancora una volta dei miei libri.

A questo proposito lascerò a fondo pagina i video riguardanti la mia opera.

Ora non mi resta che testimoniare con qualche foto la mia presenza in loco e far partecipi anche voi che siete dietro gli schermi e lontano da Napoli di questa bella esperienza.

Grazie a tutti per esser passati di qua

Laura

fb_img_1506750976319-1165225222.jpg20170930_091636-723496503.jpg20170930_091834-71386349.jpg20170930_091845-1400196055.jpg20170930_0921101943661499.jpg20170930_094133738486389.jpg

20170930_093531-1732759155.jpg

20170930_1232541373223941.jpg
Autori ed editore Da destra: Dora Buonfino, Marco Bartiromo (l’editore) Giovanni Carullo, Marina Morelli ed io. Assente Antonio Orselli

Dora Buonfino autrice Avellinese residente da anni a Torino, di due romanzi “Scrivo per te” piccole storie d’amore che incoraggiano a non perder mai l’occasione, di cui avevo tempo fà scritto la mia recensione su questo blog, e “Le mie pagliuzze” la storia vera, ma romanzata in un delicato racconto dell’abuso su minori vista da un bambino.

Giovanni Carullo giovanissimo autore napoletano che a solo 19 anni ha scritto “Giudizio universale” la rivisitazione della Divina commedia su alcuni aspetti che si riferiscono all’inferno Dantesco, lo scrittore cerca di narrare cosa avrebbe potuto vedere Dante nei momenti nei quali, forse colpito dalla crudeltà delle immagini, sveniva. La copertina del libro è stata curata da un bravissimo e simpaticissimo artista napoletano che  ho avuto modo di conoscere Luca Savino

Marina Morelli autrice romana de “Nozioni d’amore – Appunti di un viaggio all’inverso” una lettura introspettiva del proprio io di cui tempo fà avevo scritto una recensione su questo blog.

L’autore mancante Antonio Orselli uno scrittore studioso della cultura e delle tradizioni napoletane che ha scritto “Festa notturna” ispirato appunto alla tradizionale e ormai persa nella notte dei tempi festa di Piedigrotta.

20170930_123242-918631343.jpg

20170930_113535462327024.jpg
Conferenza di Giovanni Catullo e Antonio Orselli con Carla Caputo e in primo piano di spalle Luca Savino

fb_img_15070301785261319788810.jpg

 

P.S. dimenticavo… se andiamo a Napoli non possiamo assolutamente dimenticarci di gustare un’ottima pizza! La mia era perfetta, ma troppo grande per i miei gusti ed è masta la parte che magari qualcuno preferisce

20170929_220958-1896442303.jpg

Ricomincio dai Libri


Il titolo l’ho preso in prestito dalla nuova fiera a cui parteciperò prossimamente, ma devo dire che mi piace proprio… Magari non tutti voi avrete la possibilità di venire a visitarla o di girare in questa

hqdefault
Dopo le prime edizioni a San Giorgio a Cremano “Ricomincio dai Libri”, la fiera del libro per quest’anno cambia città e arriva a Napoli. Andrà in scena dal 29 settembre al 1 ottobre prossimo nella Sala del Lazzaretto (ex Ospedale della Pace)

meravigliosa sala che ora vedete vuota, ma che presto si riempirà di gente e sopratutto di libri…

Non sono mai stata prima in questo luogo, non lo conosco personalmente e ho preso la foto da internet, perciò mi lascerò incantare dall’atmosfera sin dal momento del mio ingresso… ma sono certa che mi emozionerà come la fiera di Torino.

Sarà ovviamente differente, forse più raccolta, più familiare, più caratteristica, ma non per questo meno importante, e lì incontrerò ancora una volta i miei colleghi e amici. Mi farò conoscere, spero, anche dalla gente comune, perchè in fondo sono una straniera che si è intrufolata lo scorso anno nella casa editrice napoletana Le Parche Edizioni con il suo libro e ha poi continuato il suo cammino con altri due volumi di cucina e ha in serbo altre avventure con Marco Bartiromo un uomo e un editore che merita un plauso enorme per tutto il lavoro che svolge, tutta la passione e la dedizione che mette per promuovere noi, autori sconosciuti ai più. Io approfitto di questa occasione nella sua terra, tra il suo pubblico di presentarmi in qualche modo, perchè da quelle parti ancora nessuno sà chi io sia…

Rdl

Certo sarà piacevole se qualcuno di voi lettori del mio blog vi trovaste da quelle parti e passaste a trovarmi… io per ora, son qui solo per mettervi a conoscenza di questa iniziativa lodevole e pregevole, che spero abbia un grandissimo successo.

In attesa che arrivi la data fatidica… vi lascio il mio saluto

Laura

Unbenannt

 

 

Ricette semplici per tutti nella mia raccolta


E da oggi ho finalmente tra le mani i miei due volumi… 
Ricette semplici, ricette casalinghe, ricette che hanno dietro una storia… perchè cucinare è comunque un atto d’amore

Disponibili sul sito http://www.leparchedizioni.com oppure nel 

Mondadori Bookstore – Libreria Mondadori NAPOLI – CAMPI FLEGREI

Grazie di ❤ a tutti coloro che saranno interessati 

Laura 

Torta/crostata alle more


Dai sù che ce ne sono a bizzeffe ora! Bisogna approfittarne… son belle son buone, son preziose, leggete un pò qui…

Proprietà e benefici delle more

Come tutti i frutti di bosco, contengono antocianine e flavonoidi, due sostanze antiossidanti. Le more sono, inoltre, diuretichedissetanti e depurative.

Grazie alla loro azione aiutano a mantenere pulite le arterie e sono dunque valide alleate della prevenzione cardiovascolare. Sono piuttosto ricche di fibra e quindi contribuiscono al buon funzionamento dell’intestino.

Le more contengono acido folico e aiutano a regolare i livelli di omocisteina, due sostanze importantissime soprattutto durante la gravidanza. Una carenza di acido folico e una quantità elevata di omocisteina nei primi mesi di gestazione possono infatti causare danni anche molto gravi al feto.

Sono ricche di vitamina C e contengono una discreta quota divitamina A.

A me piacciono tantissimo e ogni anno dal mio rovo coltivato personale, e senza spine ne raccolgo tantissime

tipo oggi… da poter fare tanta di quella marmellata che mi dura per tutto l’arco dell’anno! Quest’anno poi, sono veramente cariche, non sò se dipende alla elevata temperatura, se è l’annata buona o cosa, fatto stà che ne stò raccogliendo moltissime. E così mi son inventata questa crostata morbida e poco calorica. Leggete un pò e ditemi se vi ispira…

Ingreditenti per una teglia da crostata20170805_124153-1

Impasto:

1 uovo intero

30 g di burro

230 g di farina

50 g di zucchero (se di canna meglio)

125 g di yogurt greco

1/2 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio

2 g di lievito per dolci

la punta di un coltello di bicarbonato

un pizzico di sale

Copertura:

350 g di more

100 g di zuccheroLogo cucina Laura (1)

1 bustina di zucchero vanigliato

1 cucchiaio di succo di limone

 

Impastate tutti gli ingredienti formate una palla (la pasta risulterà leggermente appiccicosa e morbida quasi come quella della pizza) avvolgetela nella pellicola e ponetela in frigo per ca. 30 minuti. Nel frattempo sciacquate le more, mescolatele con gli zuccheri e il succo di limone e mettete a macerare in frigo.

Tirate fuori la pasta e stendetela su un foglio di cartaforno aiutandovi con le mani leggermente unte di olio. Foderate tutta la teglia. Versatevi sopra il composto di more e infornate in forno ventilato a 200° C per circa 20 / 25 minuti o fin quando la vostra torta/crostata avrà assunto un bel colore dorato.

Servire fredda.

Come torta non è dolcissima, se preferite potete spolverizzarla di zucchero a velo prima di servirla. Io la preferisco senza, ma i gusti son gusti. 😉

Buon appetito. Attendo commenti, critiche, o quanto preferite…

Laura

40ea61a19cbce996e8396f716681418dhttp://www.leparchedizioni.com

Finite le vacanze non si pensa più alla dieta


Ora siete impegnati lo sò,

Logo cucina Laura (1)

 non avrete tempo di dedicarvi alla cucina, e anche se il tempo ci sarebbe, bisogna pensare alla linea… siamo quasi tutti a dieta, ma dopo… beh, dopo è tutta un’altra cosa, e allora…
organizzatevi in tempo, ordinate già ora i miei volumi di cucina, li troverete così pronti a darvi una mano al vostro rientro dalle vacanze.
Per il volume 1 cliccate qui:
Per il volume 2 cliccate qui:
Buon Appetito! 😋
Laura40ea61a19cbce996e8396f716681418d

Adoro i limoni


Il limone con il suo sapore agre e pungente, il suo succo aspro e dissetante. Io lo amo! Potrei organizzare la mia giornata culinaria con questo ingrediente di base.

Iniziando con una bevanda a base di limone e zenzero, fresca d’estate, o una calda tisana d’inverno. E poi proseguire con… a colazione: marmellata di limoni su pane integrale, a pranzo: tagliatelle al limone, a merenda: plumcake al limone, a cena: filetti di pesce al limone, e come dessert… ce ne sono infiniti… io ho ideato questo

Tiramisù al limoncello 20170629_191930

Ingredienti:

250 g mascarpone

250 ml panna da montare semigrassa

3 cucchiai di zucchero a velo

1 limone non trattato                                         Logo cucina Laura (1)

Biscotti savoiardi

Liquore limoncello

Alcune gocce di essenza di limone

1 bustina di zucchero vanigliato

Cioccolato bianco in scaglie

Nella planetaria montare il mascarpone con gli zuccheri, la panna e la buccia del limone grattuggiata fin quando si avrà una crema ben soda. Mescolando delicatamente aggiungere alla crema due cucchiai di succo di limone e qualche goccia d’essenza di limone. Ovviamente a piacere.

Preparare un emulsione di limoncello, il restante succo di limone e acqua. (Io ho fatto 50 e 50 di acqua e limoncello, ma se lo preferite più liquoroso, a voi la scelta) bagnare i savoiardi nel liquido ottenuto possibilmente solo dalla parte della crosta di zucchero. (Ma questa è un’altra scelta di gusti. A me non piacciono troppo inzuppati) formare il primo strato di biscotti, ricoprire con metà crema, formare un secondo strato di biscotti e ricoprire con la restante crema. Decorare con cioccolato bianco in scaglie. Tenere in frigo almeno 4 ore prima di servire.

Se lo fate il giorno prima è ancora più buono, e se proverete la mia ricetta, fatemelo sapere… è una nuova ricetta per voi, non si trova nei miei nuovi libri La mia cucina vol. 1 e vol.2 ma potrebbe invogliarvi all’acquisto….

Buon appetito

Laura 40ea61a19cbce996e8396f716681418d

Segnalazione nuova uscita


Ci siamo, da oggi potrete acquistare sul sito http://www.leparchedizioni.com i miei due nuovi libri di cucina.  

Basta cliccare qui: Logo cucina Laura (1)

La mia cucina vol.1

La mia cucina vol.2

Cucinare, oltre che una passione, è un gesto d´amore verso i propri cari, ma anche e soprattutto per la propria gola. Presentando un piatto nuovo, anche se preparato con cura, si attende sempre con trepidazione il verdetto dei nostri commensali e in caso negativo meglio non scoraggiarsi, le critiche aiutano a migliorare e… bisognerà riprovarci, cercando di perfezionare il nostro piatto con delle varianti.

Chiaramente molto spesso ci si confronta con gusti opposti e non è detto che sempre e comunque possa andare bene: quello che al nostro palato ha un gusto sublime non può necessariamente risultare gustoso per chi siede alla nostra tavola.

Anche l´occhio vuole la sua parte e disporre con una certa fantasia i vari cibi nei piatti è già la prima grande prova da affrontare. Lo stesso cibo disposto con cura o versato a caso, avrà effetti opposti su chi è chiamato a giudicarlo e presentare un piatto con un pizzico creativo può essere già il primo passo verso il successo.

Io con l´andare del tempo ho adeguato parecchi piatti al palato dei miei cari, manipolando le ricette per adattarle alle nostre esigenze, di conseguenza, è probabile che troviate ingredienti o passaggi diversi da quelli a cui siete abituati. Amo preparare manicaretti e mi destreggio in cucina tra varie pentole e padelle, anche contemporaneamente, senza per questo accumulare fatica o stress, perché ogni cosa che preparo, è cucinato con passione. Cucinare non deve per forza essere fonte di stress, metteteci amore in quello che fate e vi accorgerete che può anche essere rilassante: i complimenti ricevuti a fine pasto sono il miglior toccasana per la fatica e l´autostima.

Buon appetito  Logo cucina Laura (1)

Laura

La giornata mondiale del…


Ma lo sapevate che ogni mese ci son svariate giornate mondiali del… qualcosa???

Esiste perfino un  calendario !!

L’ho scoperto proprio poco fà! Sta cosa della giornata mondiale del… scusate ma a me fà solo un pò ridere. Posso capire che si usino talune giornate per sensibilizzare l’opinione pubblica su  temi molto importanti, ma ieri sera, quando ho sentito dire che era la “giornata mondiale del Tiramisù”… scusate, ma con tutto il rispetto per il Tiramisù… dolce che piace a tantissimi per carità (forse io sono un’eccezione perchè se fatto in maniera tradizionale non mi piace! Purtroppo ho una fissa per il caffè amaro, e ogni dolce che prevede del caffè, non mi piace! Proprio non riesco a mandarlo giù il caffè zuccherato!! quindi ho una ricetta tutta mia… che vi regalerò infondo all’articolo) ma io non ho potuto proprio fare a meno di ridere di gusto e chiedermi dove siamo arrivati?

Così la mia curiosità si è messa in moto, le rotelle hanno cominciato a girare e son andata a curiosare quali altre stranezze ci riservano queste giornate mondiali del. Nel caso voleste assolutamente segnarvele sul calendario… non si sà mai che per me siano strane ma per altri possano essere interessanti.

17 Gennaio “della neve”

5 Febbraio “della Nutella”

21 Marzo “del Tiramisù”

27 Aprile “del Tapiro”Logo cucina Laura (1)

20 Maggio “dell’Whisky”

15 Giugno “del vento”

2 Luglio “degli ufo”

25 Settembre “dei sogni”

12 Ottobre “della giornata mondiale”

19 Novembre “del gabinetto”

Ovviamente son curiosa di sapere quale di queste possa avervi particolarmente colpito!

In ogni caso visto che ieri era la giornata mondiale del Tiramisù, mio marito ha commentato tristemente “avresti anche potuto prepararmelo… 😦 ” così ho promesso che, senza grossi festeggiamenti, glielo preparerò oggi!

Se volete seguirmi… eccovi la mia ricetta: (ho il terrore della salmonella, quindi le uova del mio Tiramisù saranno cotte!)

Ingredienti:

500 grammi di mascarpone

3 rossi d´uovo

3 cucchiai di zucchero

Liquore marsala q.b.

200 g di biscotti savoiardi o pavesini

Cacao

2,5 dl di panna da montare

Sbattete le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso, quindi unite 3 cucchiai di marsala, mescolate e ponete a cuocere a bagnomaria fin quando non si saranno formate delle bollicine in superficie. Lasciate raffreddare la crema. (Una sorta di zabaione)

Montate il mascarpone e la panna a crema soffice con lo sbattitore elettrico, (potete anche montarli separatamente, e poi unire delicatamente la panna montata mescolando dall´alto verso il basso per non smontarla) quindi aggiungete la crema di uova.  Preparate un’emulsione in parti uguali di acqua e marsala intingetevi i savoiardi possibilmente soltanto da un lato zuccherato in modo da non inzupparsi troppo (a me non piace sentire il liquido che scola in bocca, ma ovviamente è sempre una questione di gusti, quindi fate a vostro piacere). In una pirofila formate uno strato di biscotti, versatevi sopra metà crema quindi un altro strato di biscotti e la restante crema. Livellate e mettete in frigo per almeno 3 ore. Prima di servire cospargete di cacao.


Aspetto di sapere se vi è piaciuto!

Laura