Ricordate Pinocchio?


Il caro dolce Pinocchio, chi non lo ricorda con la sua fatina e il suo naso che si allungava a dismisura…

Ora mi chiedo, e non voglio certo far polemica, ma… non è che un pò di Pinocchio alberga in tutti noi?

Eludere, fingere, omettere, inventare…

  • Non ci piace una cosa e mentiamo per non deludere
  • Siamo tristi e fingiamo il contrario
  • Ci secca fare la tale cosa e inventiamo una scusa

Lo facciamo un pò tutti nei rapporti interpersonali… Sono piccole accortezze della vita comune di tutti i giorni.

Ma da lì a chiamarle menzogne ce ne passa…

Mentre il distorcere la verità a proprio favore, o semplicemente raccontar bugie… beh, quello è un altro discorso… o no?

Mentire, si potrebbe dire che è solo un modo codardo di agire, vigliaccheria e desiderio di evitare discussioni.

Ma esiste davvero il bugiardo cronico, esiste davvero come patologia, oppure è solo un comportamento saltuario?

Dicono che le bugie dette a fin di bene non sono sbagliate…

Dicono…

In fondo è solo una piccola omissione, un lieve stravolgimento della realtà, un voler proteggere chi si ama, volergli evitare del dolore o della rabbia, e in quel momento si è convinti di agire nel giusto.

Eppure… eppure qualcuno potrebbe obbiettare che sotto sotto ci sia dell’altro, che sia una strategia per nascondere qualcosa di più grande, ed è poi difficile far capire che non è così, che la protezione era il solo scopo.

E allora perchè continua a girare questa convinzione?

Perchè confortarsi con il pensiero di aver agito a fin di bene?

Perchè da un lato può esser vero che una piccola bugia detta a fin di bene, un omissis, può essere anche un piccolo gesto d’affetto, ma bisogna ricordare che, può andar bene una volta, essere un’eccezione, non deve essere la regola.

E poi ci sono le Bugie, quelle con la B maiuscola, quelle che si susseguono, che non si limitano, e che possono diventare vere e proprie truffe!

E una volta scoperti, questi bugiardi, hanno anche l’ardire di incavolarsi, alzare la voce e cercar di intimorire.

Ma non capiscono che così perdono la stima e la fiducia che era in loro riposta, non si rendon conto che, chi li ascolta non lo fà più con il cuore aperto, ma con il seme del dubbio ad ogni loro parola, e che saranno sempre tenute d’occhio le loro azioni o le loro parole, che saranno sempre soppesati con una particolare attenzione votata alla ricerca del vero e del falso, della sincerità e dell’inganno?

C’è una frase che è degna di nota:

A volte devi fingerti fesso… ma solo per capire dove può arrivare la gente che pensa di essere furba…

E credo che sia molto significativa.

Puoi sopportare, puoi far finta di credere a tutto quello che ti raccontano, far creder loro che ti hanno raggirato come desideravano, e poi…

Beh, poi a te non resterà che l’ultima parola!

Laura

Annunci

Se le stelle stanno ad ascoltare…


Se stanotte il cielo è meno luminoso, non ti preoccupare amore

È colpa mia…

ho raccolto una miriade di stelle

Son così belle…

Le ho conservate con cura

E ad una ad una

ho raccontato loro tutti i nostri sogni

Pazienti loro son state ad ascoltare nel loro magico silenzio.

Le libererò pian piano,

Così che i nostri sogni uno dopo l’altro, saliranno sù nel cielo in una scia luminosa.

E sarà lì che verranno custoditi per esser esauditi

Laura

Vuoi ballare con me?


Le gambe accavallate, il piede che si muove a ritmo della musica.

Si guarda intorno alla ricerca di qualcosa, ma cosa?

Niente lo interessa ormai più, non c’è nulla che possa attirare la sua attenzione.

Si sente triste, solo e abbandonato, tutto intorno a lui è solo contorno scontato.

La ragione della sua vita forse neppure lui l’ha mai capita.

Si sente messo da parte, invisibile come se qualcuno lo avesse dimenticato in quel luogo, un soprammobile inutile lasciato lì per caso.

Lo sguardo perso nel nulla, i pensieri che vagano per proprio conto verso i soliti lidi.

Sempre gli stessi, sempre ossessionanti, sempre orripilanti.

Lo avvolgono, lo imprigionano e lo incatenano, e anche se lui vorrebbe sfuggirgli solamente

Essi subdoli tornano sempre a riempirgli la mente.

La musica non cessa, e il ritmo continua a fargli muovere il piede.

La mano cinge il bicchiere che non ha mai raggiunto le sue labbra, lui non beve.

Tanta gente intorno a lui, ma è solo contorno

Non li vede non gli interessano, sono solo abiti colorati che si muovono e lasciano scie di profumo intorno.

Poi una mano gli viene tesa

Vuoi ballare con me?”

Una voce suadente penetra attraverso i suoi pensieri. Quella mano si avvicina alla sua e delicatamente lo invita.

La guarda come fosse un angelo che si è appena materializzato al suo fianco e la sua mente viene rapita.

Vuoi ballare con me?

Ripete ancora dolcemente

E le sue gambe prendono vita inconsapevolmente.

Senza neppure rendersene conto la sua mano avvolge la vita di quell’essere celeste

Le accarezza la schiena al di sopra della veste

Sente sulla spalla una mano poggiata e sul suo petto la guancia rosea

occhi intensi lo guardano adoranti e due labbra si avvicinano lentamente le sue invitanti.

Non sà dire se stà sognando o vivendo

Forse lo stà solo desiderando

Ma i desideri non vanno mai a comando

La musica continua incessante

E lui ha finalmente trovato la sua amante.

Laura

Chi sono io?


Oltre ad essere un umano di sesso femminile, con un cervello pensante, con la facoltà di parola, di movimento e di discernimento, cosa sono davvero io?

Non penso di essere una persona speciale e spesso non posseggo neppure la consapevolezza di cosa sono… chi mi conosce, apprezza la parte solare e allegra della mia persona, il fatto che amo essere disponibile, spesso anche a scapito delle mie personali esigenze. Se mi si chiede quale che sia il mio peggior difetto… forse sarebbe meglio chiedere altrove… c’è anche chi mi dice che ho un caratterino… poi, non ho idea se sia un pregio o un difetto, forse entrambe le cose, non son capace di dire di no. In un modo o nell’altro, se anche fossi con l’acqua alla gola, non potrei mai e poi mai far mancare il mio apporto alle persone a cui voglio bene. Purtroppo non sono molto consapevole di quel che valgo, di quanto valgo… tendo costantemente a sottovalutarmi. Se a qualcuno può sembrare pura megalomania, in verità, io non mi sento affatto migliore di nessuno e tendo sempre ad essere molto critica nei miei confronti. Non sono invidiosa, cerco sempre di pensare positivo e di trovare il buono in tutti, tant’è vero che spesso vengo accusata di troppo buonismo, nononstante nella mia vita abbia preso parecchie fregature… non sono attaccata alle cose materiali, ma credo fermamente nei sentimenti, in quanto essi debbano essere il punto focale della nostra esistenza. Non mi vedo bella, non mi sento particolarmente intelligente, a volte anzi sono fin troppo cocciuta, testarda e piena di aggressività, perfino nei confronti delle persone che forse non lo meriterebbero neppure. Salto sù molto facilmente pur pentendomene un istante dopo. Faccio tutto con il cuore, e odio dover sorridere per piacere. La mia faccia è un libro aperto, faccio fatica a contenere le emozioni, siano esse belle o brutte. Non riesco a far facilmente buon viso a cattivo gioco e non credo che potrei mai essere una brava politicante. Ma se decido una cosa, vado avanti spedita come un treno, anche a costo di finire a cozzare contro un muro. Tendo ad essere iperattiva, mi piace guardare le persone con cui parlo negli occhi, e soffro di simpatia a pelle… il primo impatto per me è quello che conta, se una persona non mi piace da subito, non dico che non la frequenterò più o la eviterò per tutta la vita, ma è davvero rarissimo che possa diventare la mia migliore amica, odio i ritardi, e faccio fatica a sopportare i ritardatari, non sopporto chi pur di tenerti buona e a bada fà promesse che poi non mantiene. Se io prometto a costo di rimetterci, la mia parola è sacra, e anche a costo di rimetterci di persona mantengo sempre la promessa fatta. Purtroppo lo sò, l’autostima è una brutta bestia, se ti manca non sarai mai in grado di apprezzarti, avrai sempre quella sensazione che qualsiasi cosa tu faccia, non sia mai abbastanza. Io faccio davvero una fatica immane ad accettare i complimenti, m’imbarazzano sempre e tendo in ogni caso a minimizzare nonostante, è ovvio, che poi mi facciano piacere… Ho sempre il timore che non siano veri… Quando mi sento dire “sei una donna stupenda, sei un esempio, sei saggia e piena di tanto buon cuore, sei il mio mito, sei speciale” e non esagero, ho sentito anche di più, da persone che non chiedevano niente in cambio, beh, arrossisco… sì… è così… Eppure continuo a pensare di non essere all’altezza… Perfino ora che anche su queste pagine ho ricevuto parecchi attestati di stima, continuo a pensare che mi sopravvalutiate. Ma comunque grazie.

Ho un’età stupida, nonostante io mi senta giovane, in forma e in forza, non lo sono abbastanza per essere utilizzabile per un qualsiasi posto di lavoro. Non sono abbastanza vecchia per essere pensionata, e in ogni caso io non mi sento per niente pronta a fare la pensionata, come non me la sento di essere solo una casalinga! (Non si offendano nè le casalinghe, nè le pensionate per favore). Perchè la vita signori miei è da godere giorno per giorno sempre, le giornate sono lunghe, e in un modo o nell’altro ce le dobbiamo godere.

E grazie al mio essere, o forse al mio destino posso dire di essere felice della mia vita, di quello che mi ha dato, di chi mi ha dato, e di quanto ancora mi darà.

Laura

L’amicizia e il colpo di fulmine


Credo che l’amicizia sia quel sentimento spontaneo che nasce dentro di noi senza che vi sia la possibilità di cernita.

Un pò come in amore, anche in amicizia può esserci il colpo di fulmine.

Per lo meno nel mio caso… incontro una persona e già dal primissimo approccio dentro di me sò se potrò chiamarla amica.

È una simpatia che non puoi costruire, o c’è o non c’è. E con essa la fiducia… per forza di cose l’amicizia è legata alla fiducia, perchè è proprio nella persona che ritieni amica che riponi una grande fiducia e la eleggi a cassaforte dei tuoi pensieri, dei tuoi drammi, delle tue gioie, delle tue vittorie, delle tue sconfitte, del tuo io.

È un grande impegno quel che chiedi, ma è lo stesso impegno che sei disposto a farti carico sulle tue spalle.

Io credo nell’amicizia, do tutta me stessa e mai mi azzarderei a rinfacciare il mio tempo regalato, mai mi sentirei di dire ad un’amica che sò essere in seria difficoltà:

“Ho fatto di tutto per ritagliare un pò del mio tempo per passarlo con te”

Eppure mi è capitato di sentirmelo dire, ed è una cosa che ferisce, che intristisce e ti fà porre quella domanda che è più che lecita

“Ma allora se ti pesava farlo perchè lo hai fatto? Dov’è il tuo senso dell’amicizia?”

Ma nonostante questa meravigliosa esperienza, credo ancora nell’amicizia, non posso fare a meno di crederci perchè una vita senza amici è una vita arida e vuota.

Laura

Le frasi che…


Gironzolando su Pinterest mi sono imbattuta in un sacco di belle frasi…

Ora se sono o meno sue questo non lo sò…

Probabilmente a Richerd Gere gliele hanno appioppate… 😂😂 in ogni caso, chiunque le abbia scritte… e spero che non sia una donna… mi trova in pieno accordo…

Sarò mica di parte? 😁😁

È vero… se il tuo uomo ti guarda ammirato, ti sentirai la più bella del reame.

Basta poco no? Basta che continuiate a comportarvi come quando volevate conquistarla…

Se ti fà sentire una vera donna, una regina e al contempo felice come una bambina è sicuramente un vero uomo!

Come il fuoco in un camino… mai far spegnere la fiamma!

Tranquilli ometti, non ci vuol molto… basta davvero poco… bisogna solo farlo con il ❤

È vero, a volte c’è la fregatura… ma non sempre però… 😉 bisogna saper rischiare...

(sotto ogni foto il mio commento)

Laura

La felicità e il rispetto vanno di paripasso?


Cosa sarà mai la felicità?

Questa sconosciuta…

Questa astratta sensazione…

Questo bisogno di sentirsi aprire il cuore, respirare e liberare…

Felicità è una grossa parola che può racchiudere anche un piccolissimo gesto.

“Farò di tutto per renderti felice”

Quante volte qualcuno se lo è sentito dire?

Quante volte qualcuno lo ha promesso?

Ma per mantenere questo proposito, questa promessa, qual’è il segreto?

Se poi segreto è…

L’amore? Mah… a volte è fonte di enorme felicità, ma può avere anche il risvolto della medaglia

Chi dice di essere sempre felice, in fondo mente, agli altri ma sopratutto a sè stesso!

La felicità assoluta non esiste, vi sono compromessi da affrontare ogni giorno.

Il rispetto innanzi tutto!

Senza rispetto per colui/colei con il quale si condivide questo cammino terreno sarà sempre fonte di infelicità da una parte o dall’altra

Ma il rispetto cos’è?

Come si può rispettare una persona che ti vive accanto?

In fondo basta poco…

Fiducia, sincerità, dialogo reciproco.

Il rispetto ha varie forme e sfaccettature, ma può sempre valere la famosa frase

“Non fare agli altri…”

E poi ci sono quei piccoli accorgimenti giornalieri che possono rendere attimi di felicità e di sicuro rispetto…

Ascoltare attentamente e ricordare.

È difficile conoscere qualcuno davvero a fondo, direi quasi impossibile, in fondo in fondo resta sempre quel minimo di mistero, d’incompreso, di oscuro.

Eppure ci sono sempre quelle lievi sfumature da poter cogliere. Piccoli segnali, parole lasciate qua e là.

O vere e proprie confessioni.

“Mi basta vedere il tuo sorriso per essere felice”

“Mi basta il bacio del buongiorno per iniziare bene la giornata”

“Mi basta che quando ti abbraccio, tu, ricambi la mia stretta”

“Mi basta poco, quasi nulla… una carezza o un bacio all’improvviso”

La felicità non stà nei regali, nelle cose materiali o nei beni preziosi.

Non stà in un diamante, un’auto lussuosa o una villa.

È proprio così!

La felicità stà nei piccoli gesti

Una carezza inaspettata…

Un bacio all’improvviso…

Contraccambiare un abbraccio…

O anche solo in un sorriso…

Condividere un momento, un pensiero, un argomento…

Donare felicità e rispetto non è costoso, non serve avere un cospicuo conto in banca.

Ognuno ha delle priorità, ha i suoi standard di serenità.

Ma nessuno sdegna un segno d’affetto in qualsiasi momento.

Un piccolo accorgimento, una parola, uno sguardo, anche solo un cenno d’intesa.

Sapere che la persona amata è felice, appaga anche il nostro io.

Provare per credere.

Laura

(Immagini prese dal web)

Gli abbracci aiutano a proteggere dai conflitti interpersonali


Abbracciami…
Ti Abbraccio…
Mi Abbracci…
Abbracciamoci…
Potrebbe sembrare un’assurda filastrocca, ma in realtà, non solo fà star bene chi riceve un abbraccio, ma anche chi lo dona ne ottiene un effetto positivo.

ORME SVELATE

Risultati immagini per hugs saatchi artSecondo uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE della Carnegie Mellon University, ricevere abbracci può tamponare contro cambiamenti dell’umore associati al conflitto interpersonale. Gli individui che si impegnano più frequentemente nel contatto interpersonale godono di una migliore salute fisica e psicologica e di migliori relazioni. I teorici hanno proposto che il contatto interpersonale benefici il benessere aiutando a tamponare le deleterie conseguenze dello stress psicologico, e il tocco potrebbe essere uno strumento particolarmente efficace del conflitto interpersonale. Questa possibilità ha importanti implicazioni potenziali per la salute e il benessere perché i conflitti con gli altri sono associati a una vasta gamma di deleteri risultati psicologici e fisici. Tuttavia, la generalizzabilità delle ricerche passate su questo argomento è limitata perché gli studi si sono concentrati principalmente sul ruolo del contatto nelle relazioni romantiche. Nel nuovo studio, i ricercatori si sono concentrati sugli abbracci: un comportamento di supporto relativamente comune che le…

View original post 224 altre parole

Con il nastro rosa


Una decisione presa così… su due piedi, di pancia, all’improvviso…

Il cellulare a portata di mano…

L’App della compagnia aerea che dal display fissa con insistenza…

“Aprimi… aprimi… lo sò che è quello che desideri fare”

Sembra dire…

La ricerca della rotta…

La prenotazione…

Quel volo poteva essere la fine, la catastrofe oppure… l’inizio.

Non lo sapeva, ma sentiva di dover andare.

Ed ecco lì, quasi come se tutto fosse già stato programmato, predisposto pronto all’uso…

Il volo per l’indomani…

Che fosse un segno?

Chissà…

Bisognava approfittarne…

Le mani le tremano un pò mentre digita i suoi dati

Freme, vuole proseguire ma nello stesso tempo teme la catastrofe

Il numero della carta di credito, il nome dell’intestatario, la data di scadenza, il codice CVC/CVV…

Il dito si avvicina a tasto invia…

si blocca…

– Vado?? Non vado??

Tentenna… il respiro diventa pesante… è una decisione importante…

Lei solitamente impulsiva…

E allora proprio in quel momento che succede?

Dove si è nascosto tutto il suo carattere?

Il suo essere un buldozer che và avanti sempre nonostante gli ostacoli, non fermandosi davanti a niente??

Dove è finito il suo coraggio da panzer?

Il dito tremolante si avvicina a quel pulsante…

Invia!

Quella parola ipnotizza…

Una volta premuto il tasto non si torna indietro.

– Lo voglio veramente?

Le palpebre si abbassano…

Gli occhi stretti come in attesa di un tuono…

Un attimo ancora di trepidazione…

L’incertezza…

L’incognito…

Ancora un respiro profondo…

Vai!!

O adesso o mai più!

Nessuno vive in un videogames…

non ci saranno altre vite per riprendere a giocare…

L’unica vita è questa…

Questa le è stata regalata e questa deve vivere, perchè spercarla con rimpianti, con se e con ma, con dei forse o lo faccio domani, non avrebbe senso.

Potrà essere un errore…

Potrà essere la decisione migliore…

Potrà portare gioia o dolore…

Chi lo sà…

Come diceva il grande Lucio Battisti…

Lo scopriremo solo vivendo…

E allora viviamola questa vita, andiamo incontro alle nuove avventure.

Diamo alla nostra vita tutte le possibilità che ci vengono incontro, non neghiamole niente.

Amiamoci e amiamo la nostra vita, la nostra libertà di scegliere, anche di sbagliare perchè no?

Solo così si impara,

solo così si rischia di essere felici.

Laura

Ok! Ci siamo…


“Believe in your dream 4-ever – Il nostro sogno”

Ce l’ho fatta… 🤩😍

Da ora è acquistabile su Amazon il mio nuovo Romanzo
“Believe in you dream 4-ever – Il nostro sogno”
Sia in formato cartaceo che Kindle
Come già spiegato è la seconda parte di “4-You only the best – Riflessi di noi”

In molti mi avevano chiesto se ci sarebbe stato un seguito alla storia di Amanda e Mac…

Eccovi accontentati. Spero che questo secondo (ed ultimo) capitolo vi appassioni. Personalmente lo trovo migliore… ma non dovrei esser io a dirlo, bensì voi che lo leggerete.

Io nel frattempo… 🙄

Vi aspetto… numerosi… 😊😀

Grazieee

Laura