I libri per diffondere emozioni


Ci son mille e mille frasi sui libri e l’importanza della lettura…

Potrei continuare all’infinito…

Per questo (molto disinteressatamente 😁) ripropongo per coloro di voi che non l’hanno ancora fatto…

la lettura del mio romanzo.

  • Non è pesante
  • È di facile lettura
  • È dolce e romantico

Potrete rilassarvi…

All’ombra di un bell’albero, in spiaggia, in veranda, in compagnia… ovunque voi desideriate e lasciarvi trasportare dalle sue pagine…

Lo trovate qui:

https://www.lafeltrinelli.it/smartphone/libri/parise-laura/riflessi-noi-4you-only-best/9788899741082

https://www.cinquantuno.it/shop/le-parche-edizioni/4-you-only-the-best-riflessi-di-noi/

https://www.unilibro.it/libri/f/autore/parise_laura

https://m.libreriauniversitaria.it/#!/serie/libri-italiani/le-parche/il-filo-di-cloto

Non avete scuse… 😁 affrettatevi

Laura

Annunci

Romanticamente…


Ho letto un post scientifico su un sito che seguo e mi ha ispirato…  Orme svelate

…Seduti su una panchina ad ammirare il images (1)tramonto… era bastato solo un breve cenno d’intesa per incamminarsi mano nella mano sulla la sabbia ormai tiepida andando incontro alla meravigliosa distesa blu che pian piano si colorava d’oro.

 

images

 

Le dita intrecciate, segno della più totale intimità,  i piedi nudi che affondano nella sabbia, la lieve brezza che scompiglia i capelli e il fruscio calmo e rilassante della risacca del mare, la cornice perfetta per una passeggiata romantica.

 

DownloadOltre loro due, solo poche altre anime romantiche si godevano il lento calare del sole verso la culla del mare.  La pace della sera lo star bene l’uno accanto all’altro anche senza parlare…  delizioso anche il solo stringersi in un abbraccio confortante e pieno di calore.

 

Download (2)Quella sensazione che tutto è proprio come deve essere, lei voltata verso di lui si fermò a guardarlo, buttandogli le braccia al collo “Sento di essere nel posto più bello che ci sia, di avere tutto quello che ho sempre desiderato, mi sento libera, felice, allegra e spensierata” sussurrò scurtandolo negli occhi.

Lui sorrise cingendole la vita, annuendo incapace di esprimere a parole quello che in cuor suo sentiva…

images (6)Niente parole, solo un gesto, il più romantico che possa esserci, lentamente si sporse verso di lei avvicinando le labbra alle sue, accarezzandole la nuca, e stringendosela forte al petto.  Ora era il momento di socchiudere gli occhi, per perdersi tra le sue labbra.

 

Download (3)

 

All’improvviso, buttando la testa all’indietro colta da un’infinita felicità,  lasciò che le labbra di lui proseguissero sul collo, tra un bacio e un altro mentre la rossa palla di fuoco continuava a tingere tutto intorno a se di oro colato, lui la prese tra le braccia e la fece volteggare mentre lei rideva felice.

 

 

images (3)

 

 

Prendi la mia mano, sfiora le mie dita, accarezza le mie gote, stringimi a te e guidami verso di te.

 

images (4)

 

Un accenno di danza, un caschè, una musica che sentivano solo loro e iniziarono un tango sensuale e appassionato.

tango-di-dancing-delle-coppie-al-tramonto-103068392

 

 

Una piroetta, un passo indietro e due in avanti, stretta a lui nella danza più romantica che ci sia.

 

images (5)

Lasciandosi travolgere dalla passione, si ritrovarono poi distesi continuando a sfiorarsi le labbra con gli ultimi raggi che accarezzavano i loro corpi.

Download (1)

 

 

Ancora abbracciati nella sera infuocata ripresero il loro cammino verso la felicità…

 

Non cè niente di meglio che camminare per mano al fianco della persona amata, sentendosi protetta dalle sue braccia, dalla stretta della sua mano che ti infonde forza e coraggio, come se dicesse, io sono qui, ti sorreggerò lungo il nostro cammino, potrai sempre contare sulla mia presenza, sulla mia vicinanza, su di me. Provate a camminare mano nella mano, guardandovi di tanto in tanto negli occhi, sorridendovi, e lasciando che ci scappi anche qualche bacio, sentirete montare dentro di voi un’immensa felicità. E quando il suo braccio vi cingerà le spalle, sarà come se vi toglierà tutto il carico di problemi che vi portate dietro. È una sensazione meravigliosa. Provare per credere.

Laura

fssfdgfaf

 

Storia di ordinaria ingiustizia


Cari amici oggi ho il dente particolarmente avvelenato.

Son giorni e giorni che penso, lo faccio? lascio stare? faccio finta di niente?

478

Poi mi dico “tanto nessuno mi prenderà mai in considerazione, ma chissenefrega, io ci provo lo stesso.

Lo sò che mi direte che con tutti i problemi che ci sono mica i “signori” qui sotto a cui indirizzo il mio reclamo si prenderanno carico di rispondermi… però… costare non mi costa nulla, neppure il francobollo, visto che ho spedito il mio reclamo per posta elettronica… e alla fine, chissà…

Reclamo

Non cambierà nulla, nonostante io sia ottimista di natura, questa cosa la vedo alquanto nera, ma… nel caso io almeno ci ho provato e la mia coscienza non mi rimprovererà.

 

Di sicuro, qualcuno dovrebbe almeno riuscire a riflettere un pochino…

Laura

Silenzio


Una bella giornata di sole…

Intorno tutto un vociare…

Gente che, incurante del prossimo parla ad alta voce e si racconta…

Giorno di festa…

Giorno da dedicare alla vita!

I pensieri, le preoccupazioni, i disagi, per oggi restano chiusi a chiave, a doppia mandata! Verranno rispolverati domani, nel giorno feriale, quel lunedì che tutti non sopportano, forse proprio perchè riporta con i piedi per terra e fà svanire i sogni.

Eppure non tutti sembrano pensarla così.

Silenzio…

Dario e Mirella sembrano tutt’altro che propensi a lasciarsi andare alla leggerezza e leggiadria del momento.

Dario si guarda intorno scocciato da tutta quella, che per lui, è falsa allegria. Sà già che l’indomani tutta quella gente tornerà a disperarsi o per lo meno a far credere agli altri che tutto và male, e che la disperazione regna sovrana tra le mura di quelle famiglie. Se ne lementa e si rinchiude in sè stesso.

Mirella non si cura più di tanto di chi le stà intorno, si guarda in giro leggermente incuriosita, ma… a lei poco importa di come il prossimo vuol vivere la propria vita. Se per poter andare avanti bisogna lottare, forse è anche giusto di tanto in tanto accantonare i brutti pensieri, lasciarli per qualche ora chiusi in un cassetto e godersi, assaporandone ogni istante, quei pochi attimi di serenità che quella bella giornata può regalare.

Silenzio…

Quattro ore seduti uno di fronte all’altro in attesa che le portate si susseguano.

Silenzio…

Il caos in quel ristorante è generale, non vi è una grande organizzazione. Forse i commensali son troppi, forse il personale non è abbastanza o all’altezza, o forse è solo un modo per far consumare più bevande, lasciare il tempo di digerire tra una portata e l’altra, far sì che la gente seduta al tavolo abbia il tempo per rilassarsi e chiacchierare senza lo stress quotidiano dell’orologio che corre… Chissà qual’è la vera strategia.

Quattro ore e 15 parole.

Silenzio…

Dario sguardo perso nel vuoto e la mente nei suoi pensieri. Pensieri che son sempre quelli… sempre uguali sempre pesanti.

Mirella sguardi lanciati quà e là intorno a sè per il disagio di quel silenzio.

Il cervello che macina, cerca di trovare un qualsiasi argomento, anche banale pur di conversare ma… per quanto si sforzi il silenzio del suo compagno la contagia, le toglie ogni gioia ogni allegria. Tamburella sul tavolo con le dita, gioca con le posate, poggia lo sguardo su di lui in attesa di un suo qualsiasi gesto, un sorriso, una parola, il tocco della mano attraverso la tavola, ma niente.

Silenzio…

Man mano le portate si susseguono ma non vengono neppure commentate. Mangiano in

Silenzio…

Non vi è neppure più l’antica galanteria di un tempo quando l’uomo versava da bere alla sua compagna. Ognuno pensa al proprio bicchiere come se al tavolo fosse seduto da solo.

Silenzio…

L’ultima goccia… l’ultimo residuo di pazienza…

Dario si collega al suo cellulare, guarda un video ma non lo condivide.

Mirella si alza spazientita, quattro ore di silenzi… vorrebbe fuggir via, sparire, volatilizzarsi, ma forse Dario non se ne accorgerebbe neppure.

Ha la gentilezza di avvisare che và in bagno, non le sembra carino mollarlo al tavolo senza neppure una parola.

Si rifugia nella toilette. Si sente male, come se si fosse comportata da persona maleducata, odia quel suo silenzio ma non riesce a sfuggirne, spera che quella sua piccola ribbellione lo abbia riscosso. Era decisa a non tornare, ma è più forte di lei, in fondo non hanno mica litigato, non hanno discusso, nessun battibecco, è solo silenzio…

Torna indietro, lui sembra che stia parlando al telefono e invece no… ascolta la musica estraniato da tutto e da tutti

Lei si risiede al suo posto e continua a guardarlo in attesa di un cenno.

Nulla… la musica non è cambiata, continua ad essere di un silenzio assordante.

Laura

Mamma… Tra diritti e doveri…


Non credere che tutto sia come sembra…

Credevi di aver fatto un lavoro discreto, non ti sentivi perfetta in tutti i minimi particolari, ma neppure una che merita di essere accantonata, messa da parte, evitata, discriminata, guardata con occhio critico, passata sotto la lente d’ingrandimento, senza diritti ma solo con doveri.

images (2)Eppure in vita tua hai dato tanto, tutto quello che avevi, hai vissuto la tua vita in ragione di coloro che ora ti giudicano silenziosamente, hai riposto tutte le tue energie, tutto il tuo amore, tutto quello che potevi e a volte anche di più convinta che stavi facendo la cosa migliore.

Non ti è mai pesato rinunciare, essere presente, fare i salti mortali, lo hai sempre fatto con il cuore, senza pensare a te, alle tue piccole esigenze, a quel briciolo di vita che, forse, avresti dovuto concederti di tanto in tanto.

images (1)Hai atteso paziente che prima o poi arrivasse il tuo turno, perchè per te l’importante non era la tua stessa vita, ma la vita di coloro a cui l’avevi regalata, l’avevi protetta, coccolata, cullata nei momenti di sconforto, accarezzata e tenuta al caldo quando sentivi di doverti accollare tutte le loro delusioni, le problematiche, pensieri e preoccupazioni.

Li hai accompagnati tenendoli sempre per mano, cercando di limitare le cadute, poggiando un cuscino di morbide piume tutte le volte che li vedevi scivolare. Sei sempre stata presente, attimo dopo attimo, pronta e disponibile ad ogni richiesta fosse d’aiuto o di condivisione.

fc85b13e345ed198bacd6fd90cb4af84Ti sei data da fare sempre, ci hai messo il cuore in tutto quel che facevi senza neppure il bisogno di sforzarti più di tanto. Non hai mai chiesto o preteso, hai sempre preso quello che ti veniva donato, come il più prezioso dei regali, fosse esso un sorriso, un abbraccio, una carezza o anche una smorfia, perchè sì in fondo anche le smorfie possono essere una dimostrazione d’affetto.

Sarebbe ingiusto e bugiardo da parte tua ora recriminare su tutto ciò, perchè lo hai sempre fatto con il cuore, e dato senza mai neppure riflettere. E questo tu ora non lo fai, non recrimini, non rinfacci nulla, sei sempre disposta a continuare a dare, perchè l’amore si offre, si dà senza chiedere niente in cambio, non si rinfaccia.

imagesTi chiedi solo se nella tua vita esiste un momento in cui, anche tu, hai qualche diritto, o se dal giorno che sei diventata mamma, hai assunto il ruolo di colei che ha solo ed esclusivamente dei doveri.

Il dovere di essere sempre presente, sorridente, pronta a braccia aperte e sopratutto senza mai chiedere nulla per te stessa. Senza il diritto di voler vivere un pochino anche la tua di vita, e non continuare a restare per sempre nell’ombra di coloro che, come giusto che sia, lasciano il nido ma che voglio che resti esattamente come lo hanno lasciato, senza scossoni, senza novità, senza che la tua vita cambi di una virgola. Pronti a farsi vivi quando un nuovo bisogno, una nuova richiesta, un nuovo problema sorge all’orizzonte per rifugiarsi da te con la consapevolezza che mai negherai il tuo aiuto. Ma esageratamente assenti per il resto del tempo.

ba95e9f0ffe73d9c01e2d3d7773ae680

Alla fine non conta mai quel che hai fatto, son gli ultimi gesti, le ultime azioni, a lasciare il segno. Mi chiedo se serve davvero seminar bene…

Laura

Laura is still here


Ci sono ancora…

Nascosta tra le pagine di questo blog , continuo a seguirvi, a leggervi, a volte a commentare, ma al momento ho perso un pò la vena scribacchina…

Forse sono solo un pò troppo presa dalla mia nuova vita…

In effetti l’ho completamente capovolta, a 52 anni ho iniziato a percorrere una nuova strada… c’è chi pensa che sia stata coraggiosa, chi folle, chi magari giudica in silenzio e non commenta, chi mi appoggia e chi mi mette davanti alcuni out out… forse la mia è davvero follia… ma è una follia piena d’amore, con il cuore che batte forte, il sorriso che non mi abbandona neppure mentre dormo.

Ci son momenti che mi par di esser tornata una ragazzina e non quella donna saggia e con i piedi ben saldi in terra che alla mia età dovrei essere.

Non nego che ci siano anche momenti di leggeri sbandamenti, di piccole perplessità. Ma per fortuna, sono attimi passeggeri.

In fondo sono umana…

Laura

Ancora


https://wp.me/s24LBm-ancora

Tutto ha un suo posto prestabilito, tutto ha un suo perchè…

Ancora e sempre il cuore continuerà a palpitare d’amore mentre le onde del mare continueranno la loro rincorsa verso la scogliera, una luce dorata accompagnerà il nostro sguardo che amorevolmente si poserà sul volto amato mentre il vento trasporterà i nostri sospiri e le nostre gioie spargendoli come piccole gocce di rugiada lungo il suo percorso.

Una tempesta di sentimenti di passioni e di turbamenti accoglierà il cuore trattenendole a sè come gemme preziose.

Laura

Risvegliarsi e sentirsi diversi


Un giorno ti svegli e scopri che il mondo intorno a te è cambiato.

risv

Ma non è proprio il mondo ad esser cambiato, lo sono le persone, lo sei tu, lo sono i sentimenti, lo sono i bisogni, i desideri, le  nuove prospettive… quello che credevi fosse e che invece tutto ad un tratto non è più.

Non sempre è facile da accettare, perchè i cambiamenti incutono timore… ma fossilizzarsi su qualcosa che ormai non ha più niente da dare, è come sperare di cavar sangue da una rapa, o il succo da un limone già di per sè spremuto più volte.

Guardarsi alle spalle e ripercorrere gli anni a ritroso… rendersi conto che, si, in fondo sono stati anche belli, che hanno arricchito la nostra persona, ci hanno forgiati anche forse per accettare quel che diventeremo, e che se oggi siamo questi è anche grazie e sopratutto al nostro passato vissuto in quel modo.

Non ci devono essere rimpianti, inutile sperare di tornare indietro per modificare qualcosa che non è modificabile. All’epoca ci andava bene così. Altrimenti avremmo agito differentemente.

d36d0a9b45f3f2639178ad29a1fabe1f

Sono del parere che abbiamo comunque il dovere di proseguire il nostro cammino,  è vero, siamo cambiati, non siamo più gli stessi, siamo maturati e ora abbiamo bisogno di altre avventure, di nuovi orizzonti da raggiungere. E questi orizzonti non potranno mai essere gli stessi che avevamo difronte a noi venti o trent’anni prima. Saranno differenti, ma non per questo non potranno appagarci e questo non ci deve far paura.

Credo che non bisognerebbe mai rinnegare il nostro passato, perchè comunque, che ci piaccia o no, è parte di noi.

Mai dire “chi me lo ha fatto fare” perchè in quel dato momento per la nostra persona era giusto che fosse così. Dobbiamo solo guardarci allo specchio, e accettarci per quel che siamo.

Tuffarci con anima e cuore nella nuova vita che si apre a noi, e goderne appieno ogni istante con serenità, osare, e non tirarsi indietro, perchè ogni volta che rinunciamo ad essere felici, perdiamo un pezzettino del nostro cuore.

sde

RIsvegliare noi stessi verso una nuova vita…

risveglio-spirituale

Laura

Via col vento…


Spieghiamo le ali, e lasciamoci trasportare dal vento amico
una folata per spazzare via i brutti pensieri, un’altra per riempirci di energia…

Laura Parise

Amo il vento… la sua forza, la sua intesità

amo quanto mi scompiglia i capelli… sentire la testa leggera e spettinata senza per questo dovermi preoccupare di apparir disordinata

amo quando mi accarezza il volto… ora dolcemente, ora con più forza, a volte caldo come un raggio di sole, a volte gelido come la neve

amo la sensazione di libertà che ti dà… aprire le braccia e lasciarsi trasportare, sorvolare liberi su tutto e tutti…

frei

Se fosse possibile, delegare alla sua forza il compito di portar a destinazione le parole custodite nel cuore, i baci e le carezze che non hai potuto dare…

d67eaaf1a8d89517747e11420b8cc600

… confidargli i pensieri più belli perchè li diffonda, e i più tristi perchè li disperda…

fb_img_1479716974124.jpg

che grande alleato sarebbe…

Anche voi amate il vento?

View original post

Testa vuota


Zero ideee…

sarà il freddo che mi ha atrofizzato i neuroni,

sarà il periodo un pò così,

sarà che la mia mente al momento vaga senza una meta precisa,

sarà che vorrei tanto essere in letargo e risvegliarmi a primavera inoltrata,

sarà che vorrei trovarmi su una scogliera e lasciarmi accarezzare il volto dagli spruzzi dell’acqua salata,

cullare dal suono delle onde che s’infrangono ai miei piedi,

respirare a pieni polmoni l’odore del mare,

farmi abbracciare dal vento che mi scompiglia e aggroviglia i capelli,

provare quel senso di libertà che solo il mare sà dare tanto da liberare ancora di più la mente per ritrovare qualcosa con cui riempirla…

Chissà cosa sarà…

Fatto stà che mi sento la testa vuota.

Sarà il caso di preoccuparmi?

images

Un saluto a tutti vi regalerò un reblog di un mio articolo che amo particolarmente…

Laura