Una recensione emozionante


Questa nuova recensione al mio romanzo

Le avversità non fermano l’more

Comincia così:

Qui si parla di rinascita per tutti e tre personaggi principali: Rachel, un’infermiera il cui tempo di vivere si è fermato con il cuore della sua bambina, Jenny, 16 anni affetta da SMA, che non sa cosa voglia dire lasciarsi andare alle emozioni della sua età e Kevin, suo padre, che ha messo in stand-by la sua vita, per garantire alla figlia tutto il benessere possibile ma che, allo stesso tempo e senza rendersene conto, l’ha ingabbiata in una serie di regole, pensate per proteggerla, che la stanno lentamente soffocando. Per tutti, quindi, una situazione dolorosa e dolorosamente in stallo. Eppure, quando il tempo di guarire busserà alla porta, tutti e tre lo faranno entrare senza neanche rendersene conto e, quella stessa inerzia che li aveva bloccati, una volta messa in moto, renderà loro impossibile fermarsi nel processo di guarigione dell’anima.
È stato meraviglioso vedere tornare il sorriso e la gioia sui loro visi, vederli ricominciare a valutare la possibilità di qualcosa di nuovo e poi sperimentare sulla loro pelle tutte queste novità. Laura ha costruito per tutti un percorso credibile e coinvolgente, non privo di difficoltà, ma pieno di speranza.
Una storia del ritmo calmo e placido, intessuta di ottimismo, coraggio e fiducia.
I tre protagonisti sono vividi e, soprattutto, inaspettatamente divertenti. Le loro interazioni mi hanno fatta scoppiare a ridere più spesso di quanto avrei mai immaginato, perché lo stupore nei loro volti che si rifletteva nelle loro azioni, man mano che si lasciavano andare all’amore, è stato fonte di pensieri buffi ed interazioni spassose.
Una caratteristica del modo di scrivere di Laura è la capacità di alternare i punti di vista dei vari personaggi all’interno nello stesso capitolo, senza una particolare identificazione. La sua bravura sta proprio nel rendere questa alternanza chiara, immediata, stimolante e perfettamente calibrata. Così, proprio mentre la voce narrante era quella di Rachel, ed io mi chiedevo come stesse vivendo il momento Kevin, ecco arrivare il suo pensiero a spiegare, dettagliare, colorare di nuove emozioni il racconto.
Anche i personaggi secondari sono di tutto rispetto. Non importa se compaiano un attimo o siano figure di rilievo, in ogni caso hanno saputo toccare qualche tasto magico nel mio cuore. Tra tutti Dolly, ex cliente e ora amica di Rachel, mi ha conquistata con la sua forza, la sua determinazione e, soprattutto, il suo sorriso.
Nel romanzo ci sono pochissimi refusi, che non mi hanno disturbata, mente lo stile dell’autrice, che ve lo dico a fare, mi ha appassionato fin da subito.
Ora lascio a voi la domanda che mi frulla per la testa da quando ho finito di leggere il libro, non tanto per avere una risposta quanto come invito a riflettere: quanto grandi sono le mura, gli ostacoli, le limitazioni che, inconsapevolmente, ognuno di noi si automipone?
Hugs&kisses

Grazie!

Laura

4 pensieri riguardo “Una recensione emozionante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...