Sbalzi


Ci son giornate che a volte si adattano perfettamente al nostro umore ballerino.

Un attimo esce il sole che illumina il nostro sorriso.

Un attimo dopo tutto si oscura, diventa nero e tuoni e lampi squassano il cielo.

Temporali e raggi di sole si alternano come il nostro umore.

Un pò come quando ti svegli con il sorriso pronto a goderti l’attimo speciale

e accade qualcosa che non ti fà calmare.

La gioia che ti illuminava gli occhi si spegne oscurata dal malumore

il sorriso svanisve sostituito da un broncio di dolore

l’ottimismo scompare facendo posto al più cupo pessimismo

e non ci son parole per far calmare tutto il tuo autolesionismo.

Quel che rendeva sereno il momento

si è trasformato nel solito tormento.

Come quando mentre tutto sembrava perfetto e il momento era speciale

tutto lì pronto da godere e assaporare.

Ecco che basta un piccolo commento, un cambio di programma inaspettato e sgradito che dentro di noi succede l’inaudito.

Si scatena il temporale, fulmini e saette potrebbero uscire dai nostri occhi, e scrosci di parole ostili dalle nostre bocche.

Non sò se ci sia qualche antico detto

ma pare che

sbalzi d’umore e sbalzi metereologici vadano a braccetto.

Laura

2 pensieri riguardo “Sbalzi

  1. Qualche giorno fa parlavo proprio di questo alla mia amica mezza pissicologa. Citai proprio una sorta di INTERRUTTORE che viene azionato, chissà da chi (io dicevo l’Universo, lei crede da una parte di noi stessi…), spesso in maniera alquanto capricciosa.
    Forse (come sempre) la faccio “inutilmente filosofica”, forse, come dici tu, il meteo incide, forse è semplicemente quella maledetta lunaticità… Ho i capelli bianchi e ancora devo capire chi aziona e perché si aziona quell’interruttore. Il meteo ? nel mio caso non c’entra nulla: ieri pioveva intensamente e stiedi seduto in una sedia di un bar di un centro commerciale ad ammirare, da questa parte delle vetrate, la mia amatissima pioggia con, tuttavia, un tremendo senso di vuoto dentro di me. Mi sono detto: “se non mi tira su nemmeno la pioggia, allora son cazzi”. Si, son cazzi. Chi vive perennemente in questo status di continuo cambiamento emotivo slegato da fattori esterni, prima o poi impazzirà. Ecco, se non mi leggi più, vuol dire che sono uscito di senno definitivamente. Ciao e scusa la lunghezzitudine 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Ma che scherzi? Ma quali scuse!! Ma quale lunghezzitudine! Ce ne fossero di persone che interagiscono. Oggi come oggi son tornati tutti ai telegrammi! Ops 😱 ora si chiamano sms o msg. A volte sembra di esser tornati a stenografare 🤣🤣 Comunque sì, il tempo metereologico spesso è causa dei nostri malumori, ma il post mi è nato dal fatto che durante tutta la giornata un momento pioveva dolcemente, poi usciva il sole, un vento pazzesco spazzava le nuvole per poi radunarle ancora più nere della pece, e giù bulaccate (si dice così dalle mie parti 😉) o se preferisci secchiate d’acqua che venivano giù come bombe per poi tornare il sole. Un’altalena che alla fin fine mi ha fatto pensare ai miei umori (o malumori) quando basta poco per farmi saltare l’embolo (di solito è sempre lo stesso motivo che si ripete come un antipatico ritornello) oppure altrettanto poco per farmi felice e vedermi sorridere contenta. Forse è un interruttore intermittente come le lucine di natale. 🤗
      Spero vivamente di continuare a leggerti. Buona serata

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...