Un viaggio a due


Quando inizi un viaggio in compagnia…

La vita ci pone sempre davanti a delle scelte, ma siamo poi davvero noi gli arbitri di questo cammino?

Scelte dettate dal cuore o dalla ragione.

Scelte impulsive o ponderate.

Forse si tratta solo di scelte già ben delineate, ma delle quali crediamo di esserne noi gli artefici.

In ogni caso quando consapevolmente scegliamo di condividere la nostra vita con una persona, intraprendiamo un viaggio che non è più solitario, ma che comporta qualche cambiamento nel nostro stile di vita, nelle nostre abitudini, nei nostri progetti, nelle nostre priorità.

Dovremmo sempre tenere bene a mente che iniziando il viaggio con un compagno non abbiamo più la possibilità di fare in tutto e per tutto solo a modo nostro, di fermarci a nostro piacimento e ripartire appena ne abbiamo il desiderio. Dal momento che si decide di viaggiare in due, ogni fermata e ogni ripartenza andranno vagliate, ponderate, decise, raffinate, o programmate insieme.

La parola compromesso prenderà una parte importante nella nostra vita.

Ma, se questa è stata la nostra scelta, quello che desideravamo con tutti noi stessi, non dovrebbe mai farci sentire costretti, perchè ne eravamo consapevoli fin dall’inizio che la nostra vita avrebbe preso un’altra direzione, un altro stile, che non avremmo più viaggiato esclusivamente da soli, ma che accanto a noi avremmo avuto qualcuno che egli stesso ha delle esigenze, dei gusti o dei desideri che potrebbero non essere necessariamente sempre e solo uguali ai nostri.

E allora?

Beh, allora il viaggio a due che abbiamo consapevolmente intrapreso non sarà mai più in solitaria, o contrapposto, ma condiviso in tutto.

È la dura legge della convivenza, per cui se siamo intenzionati a continuare a viaggiare da soli, evitiamo di coinvolgere qualcuno nel nostro viaggio, perchè chi decide di viaggiare con noi lo fà convinto di avere sempre accanto, in ogni avventura, in ogni scelta, in ogni difficoltà e in ogni momento la nostra presenza.

Non ci saranno più viaggi separati e sporadici incontri a qualche incrocio di tanto in tanto. Si userà solo e soltanto lo stesso mezzo e si avrà la stessa meta.

INSIEME!

Laura

6 pensieri riguardo “Un viaggio a due

  1. È già difficile in coppia. Quasi impossibile in più coppie. Si può condividere una meta o un tracciato, ma senza vincolarsi sul dove fermarsi o su dove mangiare. Detesto il dover fare qualsiasi cosa assieme. Anche nella coppia. Sembra impossibile, ma con intelligenza ci si può riuscire.

    Piace a 1 persona

    1. Non si tratta di rinchiudere uno dei due o entrambi in una gabbia, ognuno ha il diritto alla propria libertà, ma non esiste una vita di coppia dove ognuno fà la sua vita e ogni tanto s’inciampa in quella dell’altro, altrimenti per correttezza, è meglio vivere ognuno per conto proprio.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...