Ricordi dal passato


Oggi ripensavo a quando abitavo nella mia Genova. E affacciandomi dal poggiolo (termine genovese per balcone)  o dalla finestra della mia camera avevo questa meravigliosa visione.
finestra

Sua maestà il porto!

Con i suoi suoni, il suo costante rumore, colonna sonora della città. il suo brullicare di gente che lavorava (i camalli) arrivava o partiva. I rimorchiatori che facevano avanti e indietro, accompagnando una nave all’attracco oppure verso il mare aperto. Il carico e scarico di merci e container…

maggio 2011 013

Ricordo quando da bambina di notte guardavo affascinata quelle luci che illuminavano le navi e la città. Tanti piccolissimi puntini dorati che riflettevano nelle scure acque del mare. Restavo spesso affacciata a contemplarli come si fà con un cielo punteggiato di stelle. Immaginando i passeggeri a bordo delle navi che danzavano o cenavano cullati dal lieve rollio della nave.

0a06a6ee53c1adb6d9ee36f55ed27e19Mi piaceva fantasticare, e sognavo di salire un giorno a bordo di una di quelle grandi navi che erano lì attraccate, per partire alla volta di una meravigliosa crociera. Mio nonno spesso mi portava con sè in porto a passeggio, andavamo sulle banchine per ammirare quelle meraviglie da vicino. Erano maestose per me, che, piccola piccola le guardavo con il naso all’insù.

d8ccac76a05d39f9332c2fec997bc4b5Chi di voi ricorda ancora i transatlantici Michelangelo e la Raffaello? Fiore all’occhiello della nostra marina. Oggi navi del genere non esistono più. Ci sono bellissime navi da crociera, degne di veri e propri hotel extralusso, ma quelle erano navi avvolte da un velo di magia.

IMG_1097Michelangelo-viaggio_inaugurale

Di navi ne ho viste arrivare e partire tantissime, ma loro… loro son rimaste bene impresse nella mia mente e le vedo ancora adesso, come un tempo, ancorate in porto con i loro comignoli fumanti e la loro eleganza. Quante partenze ho visto, e ad ogni occasione ascoltavo le sirene che salutavano la città suonando.

Era come partecipare ad una festa vederle lasciare pian piano la banchina e diventare sempre più piccole. Uno spettacolo!!

 Michelangelo-Raffaello_A_Doria_pier(JFA)col_rl

Poi… che tristezza quando hanno fatto l’ultimo viaggio, quelle stesse sirene che che un tempo salutavano festanti, ora sembrava suonassero come campane a morto… un lamento disperato di chi sapeva bene a cosa stava andando incontro, unito al mesto coro di tutte le altre navi in porto in quell’occasione, che davano loro l’ultimo saluto.

Ora il porto è cambiato, è stato modernizzato, ci sono nuovi moli, nuove attrazioni, è diventato ancora di più a portata di uomo, ma per me conserva ugualmente tutto il suo fascino, è la mia città, e ovunque vada mi resterà nel cuore.

porto08d3901e7492e69b8f3b79be27d9154c

Laura

 

 

Annunci

12 thoughts on “Ricordi dal passato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...